Home Sport Basket NBA: Bargnani e Gallinari ok, Toronto e New York sorridono

Basket NBA: Bargnani e Gallinari ok, Toronto e New York sorridono

La notte NBA è stata generosa di soddisfazioni per i colori italiani e per quelli delle franchigie nelle quali militano i nostri tre cestisti. Tornano infatti ad assaporare il piacevole gusto della vittoria sia i Toronto Raptors – dopo la pesante battuta d’arresto subita 24 ore prima ad Indianapolis – che i New York Knicks, reduci da tre sconfitte consecutive.
Entrambe le compagini hanno saputo approfittare dei favorevoli impegni casalinghi contro le due squadre col peggior record della Eastern Conference, specialmente i Raptors di Bargnani e Belinelli, vittoriosi 108-99 contro i derelitti New Jersey Nets, fanalino di coda dell’intera lega con la miseria di 4 affermazioni in 48 incontri.

Se il rischio per Toronto poteva essere quello di prendere sotto gamba l’impegno, i ragazzi di coach Jay Triano hanno deciso di correrlo tutto: dopo essere stati in svantaggio anche di 11 punti nel corso del secondo quarto e aver riagguantato la testa della corsa giusto in tempo prima dell’intervallo, i Raptors non sono mai riusciti a prendere il largo contro dei sufficienti Nets – guidati dai 15 punti di Harris e del cinese Jianlian – chiudendo 108-99 senza brillare.
Nonostante l’insufficiente 6/17 al tiro, un Andrea Bargnani apparso stanco a causa degli impegni ravvicinati è risultato comunque il miglior marcatore della serata insieme a Chris Bosh (20 i punti a referto per la coppia di lunghi dei canadesi). Meno spazio rispetto al match precedente, invece, per Marco Belinelli.

Nonostante le assenze di Turkoglu, DeRozan e Calderon, la guardia bolognese è stata nuovamente “retrocessa” in panchina da coach Triano: in 18 minuti di impiego sul parquet, Beli ha comunque offerto alla causa il proprio contributo, mettendo a segno 6 punti – metà dei quali dalla linea dei tiri liberi – a cui vanno aggiunti 2 assist e una buona prestazione a livello difensivo.
Con questa affermazione, poco convincente ma comunque preziosa, Toronto smuove la sua classifica e sale a quota 27 vittorie stagionali (23 le sconfitte), mantenendosi ben salda al quinto posto assoluto della Eastern Conference.

Possono finalmente sorridere e ritrovare un successo che mancava dallo scorso 26 gennaio anche i New York Knicks. Coach D’Antoni e i suoi hanno sconfitto – col punteggio di 107-85 – i Washington Wizards al termine di un match equilibrato per 24 minuti, nel quale i Knicks sono riusciti ad uscire alla distanza agguantando la vittoria grazie al parziale favorevole racimolato nel corso degli ultimi 2 quarti (66-40).
La buona prestazione di squadra dei newyorkesi è tutta riassunta nelle eccellenti percentuali al tiro – 50% nelle conclusioni da 3 – e nei 6 elementi che hanno concluso la propria gara in doppia cifra: dopo Robinson e Lee, autori rispettivamente di 23 e 22 punti, c’è il nostro Danilo Gallinari.

L’ala lombarda sfiora la doppia doppia iscrivendo a referto 15 punti e 9 rimbalzi, rasenta la perfezione nei tiri dalla lunga distanza (4/5 da 3) e regala al pubblico del Madison Square Garden il canestro pesante che a 3’54” dalla conclusione chiude virtualmente le sorti dell’incontro portando i Knicks al +12 e stroncando le velleità di rimonta degli ospiti, tenuti a galla solamente dai 15 punti di Randy Foye e di Nick Young.
Dopo 3 sconfitte di fila, il 107-85 finale è per New York una piccola boccata d’ossigeno, ma il cammino verso i playoff resta ancora – per il Gallo e soci – una chimera. Con un record di 19 gare vinte e 29 perse, gli ultimi posti disponibili per la post season rimangono al momento inafferrabili.

Daniele Ciprari