Home Sport Calcio, Argentina: Maradona in confusione convoca gli indisponibili

Calcio, Argentina: Maradona in confusione convoca gli indisponibili

Il sempre discusso Diego Armando Maradona, positivamente quando galoppava i rettangoli di gioco palla al piede e sembrava volare sull’ erba del campo, in modo più critico quando nel 2008 gli fu conferito l’ incarico di guidare la nazionale argentina nella lunga e inerpicata fase eliminatoria del girone sud americano che portava dritto al Mondiale africano al via il prossimo giugno, ne ha combinata un’ altra delle sue che può apparire, per l’ incarico ufficiale cui è chiamato a rispondere, davvero eclatante.

In vista dell’ amichevole della nazionale albiceleste contro la Giamaica fissata al 10 febbraio nella città di Mar del Plata a 400 chilometri a sud di Buenos Aires, l’ ex Pibe de Oro ha, come è consuetudine fare per un tecnico della nazionale, steso la lista dei 18 giocatori convocati. Evidentemente, il non poter scegliere giocatori argentini impegnati nei campionati europei ha costituito una fonte di incertezza per Maradona che in Selecciòn ha sbadatamente inserito quattro atleti militanti nell’ Estudiantes, impegnata in Copa Libertadores appena il giorno seguente all’ incontro amichevole contro la rappresentativa giamaicana e di conseguenza non convocabili.

I calciatori in questione, distrattamente presi in considerazione dal tecnico argentino sono Pérez, Boselli, Clemente Rodríguez e Sosa, ma le piccole grandi dèfaillance di Diego non si sono concluse qui e come se non bastasse ha scelto altri quattro nomi: Canuto (Argentinos Jrs), Méndez (Boca Jrs), Toranzo (Huracán) e Pereyra (Atlético Tucumán), per poi accorgersi, con lo sgomento divertito dei media che Pereyra è indisponibile per una recente operazione al naso che lo costringerà a rientrare in campo solo in occasione della sfida contro il Boca Juniors in programma il 14 febbraio.

Con questa serie interminabile di sviste, ad ogni modo Maradona è riuscito a varare una formazione reale composta da giocatori che non daranno forfait al match, ma ci chiediamo se gli effetti benefici del suo soggiorno nella clinica altoatesina di Merano al fine di recuperare il pieno benessere psico-fisico e farsi scivolare addosso lo stress dovuto alla qualificazione al Mondiale, non siano già esauriti.

Gionata Cerchiara