Home Sport Calcio, Marcello Lippi: “Sogno una finale Italia-Inghilterra”

Calcio, Marcello Lippi: “Sogno una finale Italia-Inghilterra”

La sfida è lanciata, Marcello Lippi sogna una finale tutta italiana, almeno in panchina, contro Fabio Capello e la “sua” Inghilterra. C’è un particolare che incuriosisce il ct campione del mondo: “Voglio vedere come si comporta Fabio davanti all’ inno di Mameli”. Lippi non si dice sorpreso degli ottimi risultati della nazionale inglese: “E’ normale che le sue squadre abbiano risultati positivi. Ha creato una formazione molto concreta. Il caso Terry? Mi sono piaciute le parole di Ancelotti: ad un allenatore interessa la serietà professionale di un suo giocatore”.

Il tecnico toscano “apre” ad Alessandro Nesta in Nazionale:  “Sono cose che non discuto con voi, lasciatemi lavorare e poi giudicherete”. Insomma, la posizione del ct non è più rigida come prima, quando dichiarava che voleva rispettare fino in fondo le scelte di Nesta e Totti.

Riguardo il suo futuro, ancora non ha deciso nulla: “Ho un grande rapporto con il presidente federale Abete e con lui ho sempre parlato chiaro. Per me l’importante adesso è mettere insieme un gruppo per far bene in Sudafrica”. Lippi dichiara che non ci sarà Ciro Ferrara nello staff per il Mondiale, mentre su Antonio Cassano, particolarmente irrequieto nelle ultime settimane, non vuole rivendicare nessuna scelta: “Non mi è mai passato per il cervello di dire che io avevo ragione su Antonio”.

Poi un ricordo toccante per Andrea Fortunato, il ct si trova proprio nella città natale – Salerno – dello sfortunato calciatore della Juventus morto per leucemia a soli 24 anni: “Quando diventai allenatore della Juventus, la sua malattia era appena esplosa. In una trasferta a Genova contro la Sampdoria feci una sorpresa alla squadra portandolo in ritiro, perché stava un po’ meglio”. Infine, una battuta sui laser: “Potrebbero farli azzurri…”.

Miro Santoro