Home Cultura Carla Fracci silurata dal Teatro dell’Opera

Carla Fracci silurata dal Teatro dell’Opera

Dopo dieci anni di collaborazione con il Teatro dell’Opera di Roma in veste di direttrice del corpo di ballo, la ballerina italiana più famosa al mondo, la signora della danza italiana, Carla Fracci, ha abbandonato il palcoscenico romano, durante le prove di un balletto che andrà in scena al Teatro, urlando un indignato “Arrangiatevi!”, sostenuta da fan e giornalisti.

Durante la conferenza stampa che si è tenuta ieri alle 14, in occasione della presentazione del balletto sovietico Il papavero rosso – opera del 1927 che andrà in scena al Teatro romano dal 12 al 17 febbraio –  il regista nonché marito della Fracci, Beppe Menegatti, ha dichiarato: “E poi ci cacceranno come previsto”.

Ha proseguito la Fracci, tentando di dare una risposta alle domande dei giornalisti: “Per le ragioni che motivano questo mancato rinnovo, non dovete chiedere a me, ma dovete rivolgervi ad Alemanno. Io qui non faccio politica, non l’ho mai fatta e non voglio essere coinvolta in giochi di palazzo, perché è mio compito dedicarmi solamente al lavoro artistico”.

Pare infatti che nei giorni scorsi, il sovraintendente Catello De Martino abbia annunciato alla ballerina che il contratto (in scadenza a fine luglio) non sarebbe stato rinnovato.

“In questi dieci anni, il corpo di ballo è cresciuto enormemente – ha aggiunto la Fracci – e ha trovato prestigio in tutto il mondo. Mi hanno forse ringraziato? Tutt’altro. Nel settembre scorso non abbiamo potuto partecipare alla tournée newyorkese di Cats perché non è stata autorizzata la spesa di poche migliaia di euro”.

Polemica quindi per una decisione che sembra imputabile persino al sindaco della città di Roma, Gianni Alemanno, contro il quale in queste ore si sono scatenati alcuni esponenti del Pd sostenendo le ragioni politiche di tale scelta. Ma lui si difende: “Abbiamo il massimo rispetto per l’Opera e per la storia di Carla Fracci e non ci sono motivazioni politiche. Pensiamo però che, dopo tanti anni di onorato e ottimo servizio per il Teatro dell’Opera, si possa andare verso nuove soluzioni anche in vista di una assetto artistico completamente rinnovato“.

Claudia Fiume

Comments are closed.