Home Spettacolo Film in televisione: “Tu la conosci Claudia?”

Film in televisione: “Tu la conosci Claudia?”

Questa sera, alle ore 21:00, il canale satellitare Premium Emotion trasmetterà la commedia, del 2004, “Tu la conosci Claudia?“. La pellicola, diretta da Massimo Venier, è interpretata dal fantastico trio comico Aldo Baglio, Giovanni Storti, Giacomo Poretti e dalla bella Paola Cortellesi. Il film ricalca la simpatica scia degli altri lavori dei tre comici che hanno debuttato con “Tre uomini e una gamba”.

Giovanni è un uomo abitudinario e poltrone sposato con Claudia. A causa di un momento di crisi matrimoniale, la donna intraprende una relazione extraconiugale con Giacomo, un cinquantenne solo ed eterno adolescente. Aldo di mestiere fa il tassita ed è innamoratissimo di Claudia. I tre, uniti dalla passione per la stessa donna, intraprendono un catartico viaggio che li condurrà, attraverso mille avventure e sconvolgenti rivelazioni, da Claudia…

Aldo, Giovanni e Giacomo ci hanno, ormai abituato al tema del viaggio: è una consuetudine rassicurante che, di volta in volta, indipendentemete dalle destinazioni, dispone il pubblico nello stato d’animo di una “avventura rilassante”. Il terzetto, questa volta, parte da una Milano distesa per raggiungere non una meta, ma una donna. E, ancora un volta, il viaggio è occasione di svariante avventure, divertenti contrattempi ma soprattutto di crescita per i protagonisti. I tre uomini, eterni bambini, sfidano il proprio “io” senza accorgersene: di fronte hanno il miraggio di una donna perfetta per tutti che perfetta non è…

Finalmente solo alla regia, il maestro della “commedia all’italiana” Massimo Venier ci regala un film che fa sorridere, una pellicola divertente ma con un retrogusto un po’ amaro. Come nella tradizione del famoso trio comico, l’umorismo è sempre associato a profonde riflessioni sulla vita, sull’amore, sull’amicizia, sulle scelte giuste o sbagliate, sulle liti e sul perdono. I dialoghi e la voce narrante della protagonista  ci conducono, a poco a poco, attraverso una climax ascendente, ad un finale lieto ma ambiguo.

Valentina Carapella