Haiti: cover dei Rem con Robbie Williams e Carey per le vittime del terremoto

Alcuni dei nomi più importanti della musica inglese e americana hanno unito le forze per registrare un’emozionante cover del classico dei REM “Everybody Hurts” al fine di raccogliere fondi per i soccorsi ad Haiti. Ben 21 gli artisti di fama internazionale che hanno preso parte a questo progetto:Mariah Carey, Jon Bon Jovi, Robbie Williams, Kylie, Rod Stewart, Leona Lewis, Alexandra Burke, Miley Cyrus, Take That, Joe McElderry, Cheryl Cole, JLS, Mika, Michael Bublé, James Blunt, James Morrison, Susan Boyle e Westlife. Il singolo sarà disponibile in versione digitale a partire dal 7 febbraio sulle principali piattaforme della rete e dal 15 dello stesso mese in tutti i negozi di dischi. La speranza è che venga replicato il successo dell’iniziativa Hope for Haiti Now.

Sono onorato di cantare questo singolo per aiutare i terremotati di Haiti”, ha affermato Robbie Williams che tornerà a cantare anche se solo per una canzone, con gli ex compagni di band Gary Barlow, Mark Owen, Howard Donald e Jason Orange. La cantante Mariah Carey che ha partecipato con entusiasmo al progetto ha dichiarato: “Quando Simon Cowell mi ha chiesto di prendere parte al singolo benefico per Haiti, non ho avuto nessuna esitazione e ho accettato immediatamente. Siamo evidentemente costernati per il dolore e la sofferenza del popolo di Haiti e come artista mi sento fortunata a poter essere d’aiuto. Spero che ‘Everybody Hurts’ serva a raccogliere molti fondi, in modo che gli abitanti di Haiti possano ricostruire le loro vite distrutte. Il mio cuore è rivolto a ogni singola persona che ha sofferto e che è stata colpita da questa tragedia”.

Tutti i proventi del singolo verranno devoluti per il 50% al DEC (Disasters Emergency Committee) e per il 50% alla raccolta “Helping Haitidel quotidiano The Sun. Il primo ministro britannico Gordon Brown si è impegnato a togliere l’IVA sul disco. Si stima che il terremoto che ha colpito Haiti il 12 gennaio 2010, con una scossa pari al settimo grado della scala Richter, abbia causato la morte di oltre 250.000 persone. Altre 250.000 hanno urgentemente bisogno di aiuto, e si stimano oltre 2 milioni di senza tetto che necessitano di sostegno a lungo termine per riuscire a ricostruirsi una vita.

Eleonora Teti