Home Sport Calcio, Maldini: il simbolo rossonero potrebbe tornare a giocare

Calcio, Maldini: il simbolo rossonero potrebbe tornare a giocare

Un addio che non fu un addio. La mastodontica carriera dell’ ex difensore milanista Paolo Maldini, complicato anche solo ripercorrerla in qualche riga, può non essere finita quel 31 Maggio 2009, gara che tutti i supporters del Diavolo ricorderanno bene ed il passar del tempo non ha cancellato la traccia che, tutt’ ora resta indelebile.

In occasione dell’ ultima gara che il campione e pilastro portante da sempre con la maglia rossonera dal lontano 1984 con all’ attivo 647 presenze e 29 reti realizzate nel solo campionato di Serie A, ha disputato al Franchi di Firenze e terminata 0-2 per il club di Milanello, tutto il pubblico presente, sia i tifosi di casa che la nutrita rappresentanza di quelli ospiti lo omaggiarono a lungo tributandogli striscioni, applausi e una memorabile standig ovation. La carriera sportiva dell’ arcigno difensore, sempre corretto sul manto erboso e di classe superba si è colorata solo ed esclusivamente dei colori rosso e nero, sin dai tempi delle giovanili, ben 8 anni nel vivaio del club di Via Turati.

Lunga e produttiva anche la partecipazione in nazionale, prima Under 21 nel biennio 1986-1988, poi il salto in quella maggiore dove militò ininterrottamente, sempre convocato dai vari ct che si sono susseguiti negli anni, dal 1988 al 2002, l’ ultima e traumatica, per come è andata a finire, esperienza al Mondiale coreano. Con la maglia azzurra ha conquistato il bronzo a Italia ’90, l’ argento dietro al fortissimo Brasile nella kèrmesse dei mondiali statunitensi del 1994 ed ancora un argento agli Europei di Belgio-Olanda del 2000, piegato solo dalla letale coppia offensiva transalpina Trezeguet-Henry. E’ il giornalista Mediaset Nando Sanvito a diffondere per primo la clamorosa indiscrezione su un più che probabile ritorno in campo del sempreverde Paolo:

“Maldini è stato molto corteggiato per il ruolo di team manager ma Paolo non ci si vede ancora in quel ruolo, anzi mi risulta stia per tornare a giocare; pare stia arrivando a un accordo con i New York Red Bulls per la regular season 2010. Entrerebbe nel 43° anno di età giocando nella Major League Soccer americana. Un bel record, no? Il più vecchio della squadra, il colombiano Juan Pablo Angel ha 7 anni meno di lui”.

Ora ci sarà da attendere eventuali smentite o una definitiva e sorprendente conferma, ma di certo il miglior terzino sinistro che abbia mai militato al Milan saprà come ben figurare anche oltre oceano.

Gionata Cerchiara