Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Cecenia: almeno 6 militanti e 5 soldati di Mosca uccisi in scontri a fuoco

CONDIVIDI

Miliziano ceceno

Secondo quanto riferiscono le autorità, almeno sei insorti e cinque soldati russi sono morti durante alcune sparatorie  nella tormentata regione della Cecenia, nel Caucaso settentrionale.

Cinque o sei militari sono stati uccisi in un combattimento, iniziato giovedì e proseguito anche oggi, nei boschi che ricoprono i rilievi a sud-ovest della capitale Grozny.
L’ufficio del Presidente ceceno Ramzan Kadyrov, che è sostenuto da Mosca, ha detto che sei militanti sono stati uccisi ieri in diversi scontri.
L’agenzia di stampa russa Itar-Tass ha riferito che altri sei membri delle forze di sicurezza sono rimasti feriti durante un altro combattimento contro 15 ribelli.

Torna l’inquietudine in Cecenia, nonostante la Russia avesse detto l’anno scorso che la situazione era tornata alla normalità, dopo una campagna militare durata almeno dieci anni.
Il bilancio delle vittime è uno dei peggiori subiti dalle truppe russe negli ultimi mesi.
L’esercito di Mosca durante la seconda metà degli anni ’90 ha combattuto due guerre contro i separatisti nella Repubblica di Cecenia, che è a maggioranza musulmana.
I conflitti hanno portato più di 100.000 vittime e hanno lasciato la regione in rovina.

Nonostante la Cecenia sia stata più pacifica negli ultimi anni, continuano sporadici scontri.
Infatti il Presidente russo Dmitry Medvedev ha affermato che la violenza nel Caucaso settentrionale rimane il maggior problema di politica interna della Russia e ha esortato le autorità affinchè ne affrontino le cause scatenanti, come disoccupazione e corruzione.
Negli ultimi anni la lotta si è diffusa alle aree limitrofe di Daghestan e Inguscezia, dove sembra crescere una violenta insurrezione islamista.

Il Presidente ceceno Kadyrov ha espresso fiducia sul fatto che gli insorti saranno presto distrutti, e ha anche annunciato i piani per la costruzione di una stazione sciistica, una volta eliminati dalle loro roccaforti sulle montagne meridionali.

Ivan Rocchi