Il cancro all’utero viene evitato con il tè verde

Il tè, in generale, nella sua tradizione ha degli effetti benefici, soprattutto se tale bevanda è il tè verde; a fortificare questa teoria è uno studio condotto dal Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia del Women’s Health Research di Nashville.
La ricerca si è voluta concentrare sulla possibile relazione che lega il consumo di tè verde alla minore proliferazione del tumore all’utero. Attualmente possiamo dire che lo studio è stato effettuato solo in vitro e su animali, ma i buoni risultati lasciano ben sperare anche per le ricerche sull’uomo.

Praticamente dal tè verde, viene estratta una molecola che si chiama epigallocatechina gallato (EGCG), la cui funzione è quella di agire positivamente sul leiomioma uterino, in questo modo si va ad ottenere una proliferazione molto ridotta delle cellule tumorali.
Trascorse 4 settimane, è stato possibile registrare una riduzione del volume e del peso dei tumori e un conseguente calo del livello delle proteine PCNA e CDK4.
Complessivamente il tumore prolifera meno ed è stato notato che viene indotta l’apoptosi (cioè la morte programmata) delle cellule del leiomioma uterino in vitro.
Questo ci porta ad avere grandissime speranze in merito ad una ricerca che potrebbe davvero cambiare le cose.

Alessandra Battistini