Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca Salerno, due donne uccise per un “cancello”

Salerno, due donne uccise per un “cancello”

Tragedia familiare a Pagani, n

el salernitano. Un uomo ha ucciso la nuora, 50 anni, e la nipote 25enne a colpi di fucile. A scatenare il raptus un’ossessione dell’uomo per il cancello comune alle abitazioni delle due famiglie: l’uomo voleva che fosse sempre chiuso dopo il loro passaggio e in passato più volte motivo di lite. Ma non questa volta. Stamani la vendetta si è consumata senza che prima vi fosse alcun diverbio. L’uomo, Giuseppe Comunale, 74 anni, ha atteso che Rosaria Vanacore, 50 anni rientrasse assieme alla figlia Renata Maria di 25 anni, ha imbracciato il fucile calibro 12 regolarmente detenuto ed ha fatto fuoco. L’anziano ha esploso tre colpi all’indirizzo delle due donne, ammazzandole all’istante.

L’assassino è fuggito nelle campagne circostanti, dove è stato raggiunto e bloccato dai carabinieri. «Non chiudevano mai il cancello» ha ripetuto l’uomo, in evidente stato confusionale, alla vista dei militari. Il duplice omicidio è avvenuto in una traversa di via Fontana, stradina di campagna nel comune di Pagani, nel cortile d’ingresso dove sulla sinistra si scorge una palazzina bassa di colore giallo, occupata dall’assassino. Più avanti, percorrendo un vialetto l’abitazione dove vivevano le due vittime. In passato c’erano già state discussioni tra l’anziano e la nuora a causa del cancello che l’assassino voleva fosse sempre chiuso. Le liti tra l’anziano e la nuora erano conosciute dai vicini, ma nessuno immaginava che la vicenda avesse un epilogo del genere. Giuseppe Comunale era persona stimata nella zona. Non aveva mai fatto parlare di se. Una vita finora regolare, tra il lavoro e il suo hobby per la caccia. «Non capisco cosa sia successo – dice una donna – non era una persona cattiva». Una tragedia che ha scosso l’intera cittadina di Pagani: dinanzi al cortile dove è avvenuto il duplice omicidio sono giunti amici e parenti delle vittime. Tutti sconvolti dal dolore, tutti a chiedersi il perchè di un gesto che ha distrutto una famiglia molto noto nella cittadina dell’agro nocerino-sarnese.  Sul cancello i militari giunti sul posto hanno apposto tre lenzuola per evitare di mostrare la scena del duplice delitto, con quelle vistose macchia di sangue.

Nell’abitazione di Comunale i militari della compagnia di Nocera Inferiore (Salerno), coordinati dal tenente colonnello Massimo Cagnazzo, hanno sequestrato sette fucili che il 74enne, cacciatore da diversi anni, deteneva regolarmente. Giuseppe Comunale viveva in una palazzina bassa, di colore giallo con la moglie. Le due vittime poco più avanti in un altro stabile. Due stabili a quali si accedeva mediante un unico cancello. Sulla tragedia indaga la procura della repubblica di Nocera Inferiore. Il sostituto procuratore Guarino, nelle prossime ore nella caserma dei carabinieri ascolterà l’anziano pensionato.

Manuela Vegezio