Home Sport

Calcio-Lazio, parla Lotito: “La società non si vende e sono pronto a riabbracciare Ledesma”

CONDIVIDI

In casa a Lazio, alla vigilia dell’importante sfida salvezza all’Olimpico contro il Catania, è tornato a parlare il presidente Claudio Lotito. Lo ha fatto, a margine della presentazione dei tre nuovi arrivi in casa biancoceleste: Biava, Dias e Hitzlsperger, acquistati per cercare di dare maggiore possibilità di scelta al mister Ballardini.

Un Lotito a tutto campo, quello visto oggi a Formello: ha parlato della vendita della società, dei casi Pandev e Ledesma fino ad arrivare agli ultimi intrighi legati ai mancati arrivi del giovane israeliano Golasa e di Eguren.

Sulla società il numero uno laziale è stato chiarissimo, affermando di non avere nessuna intenzione di vendere, confermando la sua ferma volontà di rimanere in sella: “La Lazio non è in vendita. Ho il 67% delle azioni della società e non ho alcuna intenzione di mollare: ribadisco a tutti che Lotito non vende. I soldi spesi per la Lazio sono tutti del sottoscritto, e non sono frutto di cartolarizzazioni e crediti – ha aggiunto – Non ci sto a questo sciacallaggio politico in vista delle elezioni. La mia unica colpa è la troppa generosità. Amo questa società e la devo difendere da tutti”.

In questi giorni, è stata forte la contestazione dei tifosi per la condotta societaria nei confronti dei calciatori Goran Pandev e Cristian Ledesma, i due grandi dissidenti da tempo in rotta con la Lazio. Il primo è passato all’Inter a costo zero dopo aver rescisso il contratto con la società capitolina, mentre per il secondo il trasferimento in nerazzurro è saltato proprio nelle ultime ore del mercato invernale. Una grossa delusione per Ledesma, che Lotito ora si dice pronto a reintegrare in squadra dopo un lungo periodo di assenza: “Sono pronto a riabbracciare Ledesma. Da parte mia c’è la totale disponibilità a risolvere questa situazione, ma serve anche la volontà del giocatore. Quello che posso dire è che non alcun problema personale con il giocatore. Se lui sposa il progetto la società lo accoglierà a braccia aperte”.  Su Pandev e sulla presunte irregolarità nel suo trasferimento all’Inter sulle quali starebbe indagando la Procura Federale, il massimo dirigente si dice fiducioso: “Sono fiducioso nelle istituzioni e aspetto con ansia”.

Chiusura con gli affari saltati Golasa ed Eguren: “Sta a Golasa stabilire quello che vuole fare da grande  Il primo contratto da professionista l’ha stipulato con la Lazio, altrimenti non ci saremmo mai permessi di contattarlo. Eguren invece, non ha passato le visite mediche e lui stesso ci ha ringraziati perché erano situazioni che nessuno mai aveva messo in luce. Con il Villarreal raggiungeremo un accordo soprattutto per il calciatore”.

Francesco Mancuso