Home Sport Calcio, Mourinho: “Nessun caso Balotelli. In Coppa Italia solo un cambio tattico”

Calcio, Mourinho: “Nessun caso Balotelli. In Coppa Italia solo un cambio tattico”

Prova a smorzare i toni e le polemiche degli ultimi giorni il tecnico portoghese nella conferenza stampa che precede Inter-Cagliari, in programma domani pomeriggio a San Siro alle ore 15. “Non c’è stato nessun caso Balotelli. Ad inizio ripresa (si parla della semifinale d’andata della Coppa Italia contro la Fiorentina, ndr) ho inserito un terzo attaccante per chiudere la partita. Poi però ho preferito non rischiare e ho messo un giocatore in più a centrocampo al posto di una punta. Non potevo togliere Pandev perchè era in campo da 15 minuti, mentre Milito è Milito”. Mourinho spiega così la sostituzione di Super Mario, non era una punizione nei confronti del giovane attaccante, ma un cambio tattico per garantire più copertura alla squadra. Balotelli è stato infatti convocato e lo Special One ha annunciato che domani giocherà con tre punte.

Sul momento della squadra il tecnico portoghese commenta così: “Stiamo davvero bene, ma il momento di difficoltà arriva sempre durante un campionato. Bisogna vivere la settimana con tranquillità e allo stesso tempo con la giusta tensione per la partita. Una sconfitta prima o poi arriverà e quando accadrà bisogna vivere la situazione con tranquillità e fiducia. Alla fine il campionato lo vince sempre il migliore”.
Riguardo la formazione, Mourinho, come suo solito, non si sbilancia: “Giocheranno sicuro Julio Cesar, Cordoba, Samuel e Milito”. Non si sa quindi se Eto’o rientrerà nella formazione titolare, ma viste le tre punte annunciate, si va profilando un ballottaggio tra il camerunese e Balotelli. Difficilmente Mou farà a meno di Pandev che attraversa un ottimo stato di forma ed è stato pure risparmiato in Coppa Italia. Il portoghese parla poi degli avversari: “Il Cagliari è una squadra di qualità grazie ai giocatori e all’allenatore. Hanno equilibrio e sono difficili da affrontare”.

Ad una domanda sullo scandalo Terry, a cui è stata tolta la fascia di capitano della Nazionale inglese, Mourinho risponde raccontando un aneddoto: “Io ho avuto grandissimi capitani. Per una squadra che non ha un grande capitano è difficile vincere. Quando allenavo il Porto, perdevamo 1-0 a fine di un primo tempo giocato molto male, e il capitano (il difensore centrale Jorge Costa, ndr) ha voluto parlare ai compagni in mia assenza. Sono rimasto fuori, ho sentito le urla del giocatore e quando sono entrato ho dato solo indicazioni tattiche. Alla fine abbiamo vinto 2-1 e il capitano, che non segnava mai, ha fatto una doppietta”.?

Miro Santoro