Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo La CIA responsabile dell’attacco ad un aereo di missionari americani in Perù

La CIA responsabile dell’attacco ad un aereo di missionari americani in Perù

L’agenzia di Intelligenza Centrale (CIA) fu accusata martedí di aver mentito al Congresso degli Stati Uniti per coprire le sue responsabilità nella morte di due cittadini statunitensi innocenti, una madre e sua figlia di sette mesi, in un attacco ad un aereo avvenuto nove anni fa.

Un elicottero con missionari americani fu abbattuto dalla Forze Aeree Peruviani per ordine degli agenti della CIA. Il 20 aprile del 2001, Jim e Verónica Bowers e i suoi due figli Cory e Charity, erano di ritorno a Perù in un piccolo aereo dopo un viaggio in Brasile. I componenti della famiglia Bowers stavano lavorando come missionari cristiani in una zona del rio delle Amazzoni vicino a Iquitos (Perù), una regione selvaggia nei pressi della frontiera tra Brasile e Colombia, abitualmente abitata da narcotrafficanti.

La CIA e la Forza Aerea del Perù stavano lavorando nella stessa zona cercando di intercettare i trafficanti di droga. Un aereo della CIA vide l’elicottero Cessna in cui viaggiava la famiglia di missionari e avvisò ai militari peruviani. In un video, salito alla luce in questi giorni, si vede come l’aereo della CIA cerca di rimanere nascosto e si sente l’agente segreto americano mentre fa una descrizione del piccolo aereo.

Gli agenti della CIA pensarono che l’aeroplano fosse occupato da narcotrafficanti e allertarono la Forza Aerea Peruviana che, a sua volta, mandò un  caccia per intercettare il mezzo sospetto. Nella registrazione, il personale della CIA confessa avere dei dubbi sull’identità dei passeggeri, ma non fa nulla per correggere l’errore. Gli stessi militari peruviari emisero un avviso per avvertire il piccolo aereo dell’imminente attacco, ma questo era sintonizzato su un’altra frequenza.

La Cia è stata accusata di coprire l’incidente durante gli ultimi nove anni, anche se un comunicato dell’organizzazione assicura che il tragico episodio si fronteggiò con professionalità. Il capo della Commissione dell’Informazione di Sicurezza del Congresso degli Stati Uniti, Pete Hoekstra, si mostrò deluso per le recenti conclusioni dell’informe sull’attacco: “Erano cittadini americani- ha detto Hoekstra- che furono brutalmente assesinati e penso che il Governo degli Stati Uniti fu complice in questo. La conclusione è che non penso che qualche volta otterremo le risposte che possano assicurarci che questo non succederà in futuro” ha aggiunto.

Annastella Palasciano