Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo Ue, allarme privacy. Nuove regole per Facebook

Ue, allarme privacy. Nuove regole per Facebook

Martedì 9 febbraio l’Unione Europea ha indetto il “Safer Internet Day” per sensibilizzare i giovani a tutelare la loro privacy sul web e, generalmente, la sicurezza online.

La privacy è un argomento di discussione sempre caldo in relazione ad internet e alle nuove tecnologie. Colpevole è soprattutto l’uso scriteriato che molte persone, soprattutto giovani, fanno di Facebook, senza pensare alle conseguenze dei messaggi, delle foto o dei video immessi nel pubblico dominio alla portata di tutti. Perciò la Commissione Europea avverte: “postare oggi una foto scattata ad una festa, può avere conseguenze domani, ad esempio, sul modo in cui un potenziale datore di lavoro valuterà il vostro curriculum”. E a farne le spese potrebbero essere soprattutto i ragazzi che oggi sfidano le convenzioni e postano sui loro profili le informazioni e i commenti più inimmaginabili, senza paura di opinioni o censure.

Un esempio convincente è quello di Marco, romano di 44 anni, separato, che combatte da anni in Tribunale per vedere riconosciuti i suoi diritti di padre. Arrabbiato contro gli assistenti sociali, colpevoli di avergli letteralmente portato via i suoi figli, inveisce contro di loro usando Facebook, citando nomi e cognomi dei responsabili. La sorpresa gli viene comunicata direttamente dal Presidente dell’Ordine degli assistenti sociali: una denuncia per diffamazione a mezzo internet.
Può apparire un mero gioco virtuale ma Facebook potrebbe avere grandi conseguenze sulla vita reale, prima o dopo.

Perciò, “un’internet più sicuro”, è il motto dell’Ue. Da una ricerca della Commissione Ue si evince inoltre che sono quasi 42 milioni gli utenti che in Europa sono attualmente iscritti ai social network, quali Facebook, Myspace e Dailymotion. L’organismo europeo ha emesso la richiesta di una maggiore sicurezza per i minori che si iscrivono a tali siti web, garantendo la loro privacy e proteggendo i loro dati personali da usi impropri.

Un strumento, per salvaguardare bambini e adolescenti, ipotizzato da Viviane Reding, Commissario ai Media, sarebbe quello di nascondere in default i profili dei minorenni e renderli invisibili alle ricerche dei motori quali Google o Bing.

In ogni caso, è in arrivo una regolamentazione per l’anarchia che regna in Facebook, poiché, secondo la Reding, “gli europei hanno il diritto di controllare come vengono utilizzate le loro informazioni personali”.

Emanuele Ballacci

Comments are closed.