Home Sport Calcio, editoriale di Fabrizio Bocca: “l’Inter di Pandev più forte di Ibra...

Calcio, editoriale di Fabrizio Bocca: “l’Inter di Pandev più forte di Ibra e co.”

Goran Pandev

E’ più forte l’Inter di quest’anno o quella della scorsa stagione? Difficile a dirsi, anche perché i risultati sono praticamente uguali. Anche quest’anno il tricolore andrà ai nerazzurri: c’è poco da dubitare, quando si hanno 8 punti sulla seconda (che ormai é la Roma), ma una gara da recuperare (col Parma in caduta libera).

Secondo Fabrizio Bocca, la squadra di Moratti, si sta rivelando più forte delle precedenti stagioni. “Forse l’Inter sta accumulando provviste in attesa della Champions League dove concentrerà  –  si pensa  –  tutti i suoi sforzi. Forse semplicemente non riesce a rallentare e controllarsi. Il 3-0 al Cagliari  –  che però può lamentare un gol valido di Matri annullato dall’arbitro – è uno dei risultati più larghi nella sua corsa solitaria verso lo scudetto (una galoppata così non la faceva dal 5-0 al Genoa in ottobre). Di sicuro Mourinho ci ha messo anche un po’ di veleno in più perché in settimana avevano premiato come miglior allenatore Allegri e non lui…”

Scrive Bocca sul sito repubblica.it: “Il dover rinunciare a Sneijder non ha creato alcun problema, l’Inter riesce più degli altri a cambiare agilmente modulo: se non c’è il trequartista ecco il 4-3-3 con le tre punte che manovrano perfettamente e Pandev che non fa assolutamente sentire l’assenza del trequartista. Se solo l’Inter pareggiasse a Parma nel recupero avrebbe gli stessi identici punti dello scorso anno, e con una vittoria andrebbe a + 2.  Con una partita in meno inoltre ha già segnato ben otto gol più dello scorso anno”.

Decisiva, per Bocca, la campagna di rafforzamento nerazzurra: “Il campionato l’Inter lo ha vinto prima di tutti sul mercato. Sneijder, Milito, Eto’o e Pandev: mai l’Inter aveva azzeccato un filotto così. C’è voluto coraggio a rinunciare a Ibrahimovic che tra l’altro non sta facendo cose eccezionali col Barcellona (11 gol): 14 reti aveva segnato Ibra un anno fa e altrettanti gol a questo punto ha fatto Milito. Solo che l’attacco dell’Inter ora è completato da Eto’o e Pandev (e Balotelli): il macedone è nettamente l’attaccante più in forma del gruppo, l’uomo che le dà ancora più velocità in contropiede o che apre la difesa avversaria con i suoi movimenti. Insomma l’Inter di oggi è decisamente più potente di quella dello scorso anno. Il campionato è oggettivamente troppo limitato, come obbiettivo, per una squadra così”.