Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Libano: recuperata scatola nera aereo Ethiopian Airlines

CONDIVIDI

Un portavoce della marina miliare libanese ha confermato a Reuters che le scatole nere dell’aereo della Ethiopian Airlines, precipitato in mare poco dopo il decollo da Beirut lo scorso 25 gennaio, sono state recuperate e sono ora depositate nella base navale in attesa di esser consegnate al team che le analizzerà.

Il Boeing 737-800 trasportava 82 passeggeri più otto membri dell’equipaggio, principalmente libanesi ed etiopi, ed era diretto alla capitale etiope Addis Abeba. Venticinque minuti dopo il decollo, avvenuto alle 2:30 am ( 1:30 am ora italiana), il veivolo prese fuoco e si inabissò in mare a tre chilometri e mezzo dalla costa.

L’aereo era nuovo, aveva solo otto anni ed era stato sottoposto a tutti i regolari controlli, l’ultimo lo scorso 25 dicembre. Inoltre, come più volte precisato dal governo libanese, non c’è alcun indizio che faccia sospettare manomissioni volontarie.

Le scatole nere, individuata lo scorso 28 gennaio su un fondale a circa 45 metri di profondità, sono state recuperate dai sommozzatori e ora il team della Ethiopian Airlines, coadiuvato da esperti giunti appositamente dal Regno Unito, analizzeranno i resti per capire le cause della tragedia.

Il decollo avvenne durante una violenta tempesta, ma gli esperti sono convinti che, nonostante sia probabile che la tempesta abbia purtroppo contribuito alla tragedia, è improbabile che sia la sola causa dell’incidente aereo.

Solo 14 degli oltre 90 corpi sono stati recuperati, tra i quali quello della moglie dell’ambasciatore francese in Libano, l’americana-cubana Marla Sanchez Pietton, che doveva partecipare ad una conferenza ad Addis Abeba.


Sebastiano Destri