Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca Ritrovamento dopo la slavina in Valsassina: troppo tardi

Ritrovamento dopo la slavina in Valsassina: troppo tardi

Esito luttuoso, purtroppo, per le ricerche riprese nella mattinata di oggi del gestore del rifugio Alpino scomparso a seguito della slavina caduta in Valsassina. Intorno alle 11 di questa domenica, infatti, Antonio Mariani è stato ritrovato privo di vita sotto 4 metri di neve, a circa 200 metri di distanza da dove la slavina lo ha sorpreso. Sicuramente troppo tardi, dannatamente tardi, verrebbe da dire, è stato alfine possibile localizzare e ritrovare il gestore del rifugio di montagna della zona.

I soccorritori, una trentina in tutto fra membri del Soccorso alpino e unità cinofile della Guardia di Finanza, hanno dovuto constatare da subito l’assenza di possibilità di intervento sulla salute dell’ennesima vittima della montagna, questa volta persona esperta sul da farsi, anziché poco addestrato vacanziero, come i protagonisti dei pericoli dei nostri monti sarebbero, secondo le ben note recenti polemiche. E’ l’ambiente ad offrire, come si vede, qualche volta delle ostilità oggettive a cui è impossibile a priori sottrarsi, nonostante la mancata attitudine a commettere imprudenze sportive.

Il proprietario del Rifugio Buzzoni lascia inaspettatamente, oltre i suoi cari monti, la consorte Laura ed i suoi due figli di 16 e 10 anni. Sofisticati mezzi tecnici sono stati usati sia per sondare le nevi e ritrovare, ormai in ritardo, il corpo di Mariani, ma non hanno potuto proseguire durante la notte le ricerche, iniziate verso mezzogiorno ed interrotte nella serata di ieri. Piuttosto improbabile era, in effetti, che le ricerche riprese durante la mattinata potessero avere un esito più lieto, viste le condizioni atmosferiche delle molte ore notturne trascorse.

Sandra Korshenrich