Home Sport

Calcio, Fiorentina-Roma – Interviste

CONDIVIDI

Al termine del posticipo che ha visto la Roma uscire vincitrice dal campo della Fiorentina grazie al gol di Mirko Vucinic gli animi sono contrastanti. Il tecnico dei capitolini Claudio Ranieri è molto sincero ai microfoni si Sky Sport:

“Non c’è un anti-Inter. Sono troppo forti. Oggi sapevamo che la Fiorentina avrebbe giocato sui nervi, sulla forza e sapevamo di soffrire. Devo fare un paluso a Julio Sergio davvero insuperabile, la difesa ha fatto gli straordinari e poi De Rossi e Vucinic che ci hanno creduto sempre”.

Gli elementi determinanti?Un pizzico di fortuna ci vuole sempre, mi ricordo che contro il livorno in casa ci era mancata. Complimenti alla Fiorentina, ma noi non molliamo mai. Ce l’abbiamo dentrro e ci crediamo. Totti? Fuori per scelta tecnica, era stanco dopo i novanta minuti in coppa e lo devo gestire in questa maniera. Se fossi arrivato prima? Non ci penso, ma dico solo che la Roma è formata da giocatori che si allenano sempre con molta professionalità e d in campo. Io vorrei migliorarsi sempre di domenica in domenica. I record mi fanno piacere ma io non ci guardo. Anche Julio Baptista è stato bravo, facendo un gran bel lavoro.

Ora arriva l’Europa League: “Vediamo, togliere adesso giocatori che stanno in forma non è semplice e prima di rinunciare ad uno di loro ci penso mille volte. lIl campionato lo puoi sempre riprendere, mentre le coppe se sbagli una cosa sei fuori”

Ovviamente molto dispiaciuto il tecnico viola Cesare Prandelli che ha visto la sua squadra uscire dal campo immeritatamente battuta:

“Il calcio è spietato, bisogna accettare il risultato ma con la consapevolezza di aver offerto una prestazione straordinaria. I ragazzi devono continuare a lavorare con questa convinzione di fare, perchè alla fine arriverà anche un po’ di fortuna. La squadra ha manovrato, ha creato ampiezza, ha fatto di tutto per vincere la partita poi su un calcio da fermo abbiamo perso una marcatura e nel calcio lo paghi. Montolivo? E’ in crescita sotto tanti punti di vista. Ha fatto giocate importanti ed è un centrocampista moderno. Al centro si esprime al massimo, in quella posizione sta trovando continuità e qualità. Deve solo cercare di più la porta, perchè ha anche un gran tiro. Le occasioni mancate? Siamo un poì troppo frenetici, la stanchezza non c’entra niente. Dobbiamo lavorare pensando alla prestazione, anche se non è facile. Esasperemo ancora di più il concetto di gioco. Sono convinto che ce la faremo anche quest’anno”

Ai microfoni di Mediaset Daniele De Rossi sembra molto soddisfatto: “Siamo compatti ed è difficile che ci fanno gol. Questo momento negativo della Fiorentina ci diceva che avrebbe fatto una partita con i coltello in mezzo ai denti. Nel primo tempo sono stati davvero forti e pressavano. Loro a centrocampo sono bravissimi, hanno Montolivo che è un talento, e sono stati aggressivi e ci bloccavano le azioni ed era dura per i nostri attaccanti e centrocampisti”.

Molto accigliato anche il presidente Della Valle che tuttavia cerca di tirare fuori qualche nota positiva da questa amara serata: “Ho fatto i complimenti ai miei giocatori perchè ho visto una grande Fiorentina. Sul piano del gioco la consideriamo una partita vinta“.

Il presidente è chiaro poi circa il suo rapporto con Mister Prandelli: “La questione del prolungamento del contratto di Prandelli non è un problema e noi ci occupiamo solo di problemi veri: se dipende da noi, il nostro allenatore resterà. E questo vale anche per Corvino che sta costruendo la Fiorentina del futuro”

Simone Meloni