Home Sport

Calcio, Inter – Thiago Motta invita alla calma: “Il campionato non è chiuso”

CONDIVIDI
Thiago Motta, 27 anni, centrocampista dell'Inter

Nonostante gli otto punti di vantaggio sulla Roma (che ha anche una partita in più) e i dieci sul Milan, Thiago Motta chiede all’Inter di tenere alta la guardia per non rischiare di vedersi sfuggire di mano uno Scudetto che oggi sembra quasi una formalità: “Il campionato non è ancora finito – ha detto il centrocampista brasiliano ai microfoni di Sky Sport – , manca ancora tanto. Se sbagliamo una o due partite di fila, chi è dietro ha ancora la possibilità di recuperare. Finora abbiamo lavorato bene e dobbiamo proseguire su questo cammino, solo così possiamo vincere il campionato. In questo momento abbiamo un buon vantaggio e dobbiamo concentrarci solo su noi stessi, senza pensare a chi sta dietro”.

In questo ultimo periodo l’Inter sta volando in campinato grazie soprattutto ai gol dei suoi attaccanti. Motta spende una parola in particolare per Goran Pandev, arrivato in nerazzurro da poche settimane ma già perfettamente a suo agio con la sua nuova casacca: “Goran si è inserito velocemente perché ha capito subito come gioca la squadra, è intelligente, si muove tanto, ha qualità, ha aiutato tanto la squadra. Del resto, quando giochi con tanti campioni è facile inserirsi”.

I soliti problemi fisici che lo costringono periodicamente ai box, uniti a qualche scelta tecnica di Mourinho, hanno relegato qualche volta il centrocampista nerazzurro ai margini dell’undici titolare: “Io so cosa devo fare in campo, cerco di aiutare i compagni – si difende – abbiamo tanti centrocampisti e quando uno gioca deve dare il 100%, ognuno di noi deve pensare a fare il suo lavoro al massimo”.

La Champions League si avvicina e l’Inter dovrà affrontare uno scoglio durissimo, il Chelsea di Carlo Ancelotti: “Abbiamo rispetto per i blues, ma sicuramente non paura – il commento di Motta – . Sarà difficile per noi come per loro, conosciamo le difficoltà cui andremo incontro, sono due gare che dobbiamo fare benissimo per andare ai quarti. Bisogna continuare a lavorare bene per arrivare a questa sfida al 100%”.

In un’intervista rilasciata recentemente, il c.t. della Nazionale Marcello Lippi sembra aver chiuso definitivamente la porta ad altri oriundi nel club Italia. Motta però prova a tenere accesa la speranza: “Io sono contento qui all’Inter, devo lavorare bene e poi si vedrà. Ogni giocatore pensa al Mondiale, è normale, la Nazionale italiana è già molto forte ma se arrivasse la convocazione sarei davvero felice”.

Pier Francesco Caracciolo