Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Haiti, uomo estratto vivo dopo 27 giorni

CONDIVIDI

L'immagine del superstite Evan Muncie, appena estratto dalle macerie (fonte Cnn)

Secondo la Cnn, un uomo sarebbe stato estratto vivo dopo 27 giorni sotto le macerie del terremoto di Haiti. È attualmente affidato alle cure dei sanitari locali e ci sono buone possibilità che riesca a sopravvivere.

Il sito web del quotidiano statunitense ha però sollevato dubbi e incertezze sulla reale permanenza dell’uomo, Evan Muncie, sotto le rovine di un mercato, dove egli vendeva riso. Non è infatti dato sapere se fin dalla prima scossa, ossia 27 giorni fa, o da un momento più recente, presumibilmente a causa di un crollo seguito a una delle numerose scosse di assestamento. Nel primo caso, l’uomo sarebbe potuto sopravvivere solo avendo accesso a delle scorte di acqua. Il sopravvissuto tuttavia appare gravemente disidratato e secondo i suoi familiari avrebbe perso almeno 15 kg rispetto al suo peso normale. È stato prontamente trasportato in un ospedale da campo a Port-au-Prince, che è coordinato da un’equipe di medici americani dell’Università di Miami.

La notizia del salvataggio è stata data in diretta dall’inviato Sanjay Gupta, che essendo anche un medico, ha potuto offrire in aggiunta il suo parere tecnico-sanitario. A quanto si apprende, l’uomo, 28 anni, non presentava gravi ferite, ma appariva in forte stato confusionale. Egli avrebbe rivelato ai dottori che lo assistevano di aver ricevuto regolarmente rifornimenti di acqua, ma non appare chiaro quando o se queste dichiarazioni facciano parte dei deliri confusionali. Il superstite avrebbe inoltre detto avere sentito attorno a lui, mentre aspettava di essere soccorso, il rumore dei bulldozer che stavano allontanando i residui delle rovine. Non si sa se ciò sia frutto di immaginazione o se gli avvenimenti raccontati possano essere realmente accaduti.

La speranza di nuovi ritrovamenti è ancora viva, chissà che non arrivino altre novità.

Emanuele Ballacci