Home Spettacolo Il precari vogliono Sanremo: “Anche noi sul palco con un rap”

Il precari vogliono Sanremo: “Anche noi sul palco con un rap”

«La causa dei precari merita il palco più grande». Con questo slogan il blogger e copywriter romano, Arnald, sul sito «Unmotivopersanremo» chiede di partecipare alla kermesse canora più famosa d’Italia con un brano fuori concorso sui problemi del lavoro atipico giovanile. Arnald da tempo tratta i temi del precariato sul sito «DiversamenteOccupati.it»: questa volta si è inventato il rap dei precari e lo ha proposto su Internet, raggiungendo in pochi giorni tra le 2.500 e le 2.700 visite tra le varie piattaforme.

«Nel 1985 Luis Miguel cantava: “Noi ragazzi di oggi noi, con tutto il mondo davanti a noi…”. Ora che ce l’abbiamo dietro, il mondo, devo dire che non è tanto piacevole – scrive Arnald sul sito – soprattutto quello del lavoro. Ma nessuno che ne parli mai, a Sanremo. Se vuoi che i cantanti si occupino di te devi essere gay o camorrista e avere una storia d’amore. Sfigata, naturalmente». Il messaggio del brano è chiaro: «Diversamente occupati, diplomati, laureati – recita il ritornello – ci hanno messo con le spalle al muro, senza un progetto per il futuro. Diversamente occupati, operai specializzati, per noi non c’è più rispetto, ma un futuro a progetto».

Questo l’appello lanciato sulla fan page di Facebook: «Se anche per te progettare il futuro significa al massimo decidere cosa fare nel week-end, aiutaci a conquistare il palco di Sanremo con il nostro brano: sarà una grande occasione per portare in ogni casa la nostra protesta e idee per il futuro». Nella pagina Arnald invita i sostenitori del progetto a lasciare un messaggio «da portare sul palco» insieme al rap, richiesta alla quale hanno risposto in tanti. Tra le mail arrivate in questi giorni alla Rai anche quella di Robin, che scrive: «È un brano che va cantato a squarciagola in Italia» e di Lidia: «Diamo visibilità ai problemi veri di questo paese. Niente è meglio di una canzone per cominciare».

Maria Elena Tanca

Comments are closed.