Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica

Incentivi auto, domani in Consiglio dei ministri

CONDIVIDI

Un primo incontro in merito al “decreto incentivi” potrebbe verificarsi domani, nel Consiglio dei ministri a Palazzo Chigi. Probabilmente non ci sarà alcun provvedimento concreto, ma una valutazione generale su un suo possibile varo e sulle modalità da utilizzare. Anche alla luce degli incontri odierni del ministro dello Sviluppo economico, Claudio Scajola, a San Sebastian, dove è in corso il vertice informale dei ministri europei dell’Industria dedicato appunto al futuro del settore automobilistico.

A questo vertice aveva fatto riferimento il sottosegretario allo Sviluppo Michelino Davico, rispondendo a una interpellanza parlamentare sulla Fiat nella quale aveva parlato di “tempi stretti” per una decisione. Uno dei temi più controversi è quello riguardante le risorse disponibili, che certamente sarà al centro di un colloquio tra il ministro dell’Economia e quello dello Sviluppo. Oltre a quello dell’auto, infatti, ci sono richieste di aiuti e incentivi da diversi settori della produzione.

Secondo quanto riporta La Repubblica, nella bozza allo studio del Ministero dello Sviluppo Economico, gli incentivi potrebbero venire dimezzati a 750 euro per chi rottama una euro 2 o precedente (per passare ad una euro 4 o 5), mentre rimarrebbero a 1.500 euro nel caso in cui l’auto nuova emettesse meno di 115 grammi di CO2 al chilometro. In calo anche i bonus per chi acquista un’auto a Gpl, che passano a 1.000 o 1.500 euro a seconda delle emissioni, mentre potrebbero salire a 3.000 euro per l’acquisto di un’auto a metano o elettrica. I contributi valgono anche per i veicoli commerciali e possono arrivare fino a 4.500 euro per il metano. Uno ‘sconto’ del 10% sul prezzo del listino è in vista per chi sostituisce un motociclo euro 0 o 1 con uno euro 3, fino ad un massimo di 750 euro. Contributi di 500 o 800 andranno a chi modifica l’alimentazione della propria auto, passando rispettivamente al Gpl o al metano.

Allo stato attuale gli incentivi scadono il 30 giugno, ma una nuova definizione di questo limite potrà essere fissata dopo l’entrata in vigore del provvedimento.

Simone Cruso