Home Spettacolo Stasera in tv: L’ultimo samurai

Stasera in tv: L’ultimo samurai

L’ultimo samurai ( The last samurai) è un film del 2003 diretto da Edward Zwick e distribuito dalla Warner Bross.
Pellicola che  ha ottenuto un ottimo incasso in tutto il globo, guadagnando ben 456 milioni di dollari e superando di gran lunga il budget iniziale.
Nonostante l’ottimo riscontro commerciale non ottenne nemmeno un oscar ma bensì quattro candidatura alla celebre statuetta: miglior attore non protagonista per il giapponese Ken Watanabe, miglior scenografia, miglior costumi e miglior sonoro.

Trama. 1876. San Francisco. Nathan Algren ( Tom Cruise)  ex capitano dell’esercito americano, ormai dedito all’alcool e al vizio, viene incaricato per conto dell’Impero giapponese di addestrare il primo esercito del Paese, l’esercito dell’imperatore Meiji,  allo scopo di eliminare i samurai ribelli presenti nel territorio.
 Arrivato in Giappone scopre un mondo in piena conflittualità tra la frenetica corsa alla modernità tecnologica e commerciale voluta dal nuovo e giovane imperatore e la cultura millenaria di un popolo dedito alla filosofia e alla guerra ideologica dei samurai.
Questa forte differenza di pensiero si manifesta nel concreto attraverso la rivolta e l’attacco alla ferrovia; per questo il giovane imperatore Mejii ordina ad Algren di affrontare i samurai in campo aperto e sterminarli.
Algren, nonostante cerchi di dissuadere l’imperatore in quanto ritiene l’esercito non ancora pronto per tale impresa, obbedisce ai suoi ordini e ha cosi inizio  una truculenta e sanguinaria battaglia. 
Dopo aver falcidiato infiniti samurai , l’uomo viene ferito e gettato a terra sanguinante. Il generale dei samurai, il valoroso Katsumoto, vedendo Algren battersi con tanta tenacia ed eroismo decide di rendergli salva la vita e farlo prigioniero portandolo sulle montagne, nel proprio villaggio.
Qui, il valoroso americano impara a conoscere la filosofia, lo spirito e gli ideali dei samurai fino al punto di decidere di combattere al loro fianco, complice anche, come nella migliore tradizione letteraria e cinematografica, l’amore per la sorella del capo villaggio.

Un film ricco d’azione, valore e spiritualità.

Buona visione