Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Supersize America: il piano anti-obesità di Michelle Obama

CONDIVIDI
La first lady americana, Michelle Obama

Si intitola “Let’s Move”, ed è il nuovo piano lanciato dalla first lady americana in risposta ad uno dei più annosi problemi della nazione a stelle e strisce: l’alimentazione. Non è la prima volta che Michelle Obama affronta problematiche connesse ad uno stile di vita più salutare e genuino. In molti ricorderanno che, poco dopo il suo insediamento alla Casa Bianca, la signora Obama acconsentì a creare un orto nell’ala Sud della villa palladiana, allo scopo di dare un forte impulso di immagine all’agricoltura biologica, piuttosto bistrattata oltreoceano.

In particolare, obiettivo del programma “Let’s Move” è la riduzione del tasso di obesità infantile (che in America ha raggiunto livelli preoccupanti) attraverso il miglioramento del cibo nelle mense scolastiche, la spinta alle attività fisiche e la riduzione delle tasse per alcuni tipi di negozi alimentari, soprattutto in zone particolarmente povere o disagiate.

“Smuoverei mari e monti per dare alle mie figlie tutte le possibilita’ di essere al top in ogni cosa, anche nella forma fisica. Let’s move parte dal principio che ogni famiglia voglia la stessa cosa per i propri figli”, ha dichiarato al quotidiano USA today la Obama. La quale però ci ha tenuto a precisare che non si tratta di una vera e propria crociata contro l’American life-style: “Amo hamburger e patatine, come anche torte e gelati. E lo stesso vale per la maggior parte dei bambini. Ma – ha aggiunto – non stiamo parlando di uno stile di vita che li escluda del tutto. L’obiettivo, al contrario, è che la gente mangi la verdura, vada a correre, faccia esercizio e abbia comunque lo spazio per godersi una bella mangiata senza rimorsi una volta ogni tanto”.

Il problema non è nuovo: già il documentario “Supersize me” e il film “Fast-food nation” avevano messo in evidenza le tematiche connesse all’alimentazione negli Stati Uniti. Il primo aveva messo in risalto le pessime conseguenze di un consumo reiterato e sconsiderato del cibo da fast-food, e aveva sottolineato la pessima linea seguita dal Governo nelle scuole, dove aveva ridotto le ore di educazione fisica ed aveva introdotto nelle mense scolastiche patatine, caramelle, ed altri alimenti poco salutari; il secondo aveva denunciato la pessima qualità delle carni utilizzate dai grossi fast-food per i propri panini.

Ora, dopo l’avvento della consolle Nintendo Wii, Michelle Obama si presenta con una proposta decisamente più promettente e intelligente che far dimagrire i proprio figli con i videogiochi, con un provvedimento “calato dall’alto” ma incredibilmente sensato. Il piano “Let’s Move” ha ricevuto la benedizione del presidente Barack Obama, il quale  – oltre ad ovvie ragioni personali di appoggio alla moglie – ha probabilmente visto in esso un logico e coerente complemento al proprio piano di Riforma Sanitaria.

Roberto Del Bove