Home Anticipazioni

Calcio, Lazio-Edy Reja fino al 2011: “Lazio squadra di valore”

CONDIVIDI

Edy Reja e la Lazio cominciano con un ritardo la prima giornata di lavoro insieme. Ma, ovviamente, la colpa non è nè dell’ex tecnico del Napoli nè tantomeno della società del presidente Claudio Lotito. Tra i due contendenti s’è messa di mezzo l’Alitalia e l’allenamento mattutino è slittato, per forza di cose, a questo pomeriggio.  Il suo arrivo a Fiumicino era atteso già nella serata di ieri, ma il maltempo lo ha bloccato nell’isola croata di Brac. Poi questa mattina il ritardo: il suo velivolo, inizialmente previsto per le ore 8 di questa mattina direttamente da Trieste, è arrivato poco dopo le 12,30. Il tecnico goriziano si è diretto subito al centro sportivo di Formello per dirigere l’allenamento delle 15, il primo della sua gestione. Con lui ci sono il preparatore atletico Luigi Febbrari e il secondo allenatore Angelo Crialesi, con cui si sono allenati negli ultimi mesi i giocatori “dissidenti” come Ledesma. Il nuovo allenatore biancoceleste, che ha preso il posto dell’esonerato Davide Ballardini, la cui avventura nella capitale è durata soltanto otto mesi (subentrato a Delio Rossi a metà giugno), fimerà un contratto che lo legherà agli “aquilotti” fino al 2011. “I giocatori della Lazio li conosciamo bene: sono bravi, il valore c’è. E’ una squadra che merita: sono contento di avere preso questo incarico”. Queste le prime parole del neo -allenatore, intercettato nin aeroporto appena sbarcato sul suolo capitolino. La società del presidente Claudio Lotito dovrà pagare la clausola rescissoria di circa 150 mila euro all’Hajduk Spalato, visto che Reja, 64 anni, s’è svincolato in fretta e furia nella mattinata di ieri dal club croato. E’ la tredicesima panchina che salta in serie A dopo 23 giornate di campionato. Si parte dall’esonero di Luciano Spalletti “targato” 1° Settembre 2009, sosituito da Claudio Ranieri, fino all’ultimo cambio Ferrara-Zaccheroni di nemmeno 15 giorni fa. In mezzo si passa da Antonio Conte (Atalanta), Walter Mazzarri (Napoli), Serse Cosmi (Livorno), Franco Colomba (Bologna), Alberto Malesani (Siena), Delio Rossi (Palermo), Sinisa Mihajilovic (Catania), Gianni De Biasi (Udinese) e Bortolo Mutti (Atalanta). L’ormai ex allenatore dell’Hajduk è stato chiamato dal presidente laziale per risollevare le sorti di una squadra che vive un momento assai critico trovandosi attualmente in piena zona retrocessione (terz’ultimo posto in classifica) e con parte della tifoseria in fermento. Ieri pomeriggio a Formello ci sono stati disordini, con undici tifosi fermati, tre contusi tra le forze dell’ordine e tre feriti lievi tra i supporter della Lazio (circa 1.000) giunti per contestare la squadra.

Andrea Bonino