Le donne italiane diventano mamme dopo i 35 anni

E’ davvero così importante la differenza d’età tra genitori e figli? Vi sono molte ragazze che temendola cercano di avere un bambino subito dopo i 20 anni, massimo 25, mentre altre donne tendono ad avere il primo bambino dopo i 35 anni. Di certo la scelta può avere dei condizionamenti sociali, perché prima magari si attende di finire gli studi universitari, oppure si cerca prima un lavoro che possa permettere una certa sicurezza economica, e solo dopo si pensa al matrimonio e quindi ad avere figli.
L’età media della prima gravidanza si è spostata in avanti per problemi di ordine economico legati sia alla precarietà del lavoro, sia alle difficoltà di conciliare famiglia e carriera anche se il tasso di natalità, dopo aver toccato i minimi storici, sta riprendendo, sulla spinta anche delle donne immigrate”, spiegano i ricercatori dell’università di Roma.

Il problema è che, come abbiamo detto di recente, vi è una riduzione della fertilità dopo i 30 anni, una forte riduzione (90%); questo non è certo incoraggiante, ma spesso la scelta di concepire un bebé in età “avanzata” non è dettata da un desiderio personale.
I dati dicono che 6 donne su 100 rimangono incinte dopo i 39 anni, e se cercate esempi concreti, bé pensate ad Antonella Clerici, prossima regina di Sanremo. Parallelamente aumentano le coppie che non possono avere figli, quasi 50mila all’anno.

Alessandra Battistini