Home Spettacolo Sanremo 2010. Anche la Clerici in versione canterina ed ammette: “Sono finita...

Sanremo 2010. Anche la Clerici in versione canterina ed ammette: “Sono finita in ospedale”

Una pura casualità o una strategia di marketing studiata ad hoc? Il dilemma è di difficile risoluzione ma di sicuro oltre modo efficace. Se il Festival di Sanremo, tessuto basilare e radicato del mondo canoro del nostro paese riesce a coivolgere ogni anno, tutti ma proprio tutti anche coloro che di musica e spartiti non ne fanno una ragione di vita, perchè non cimentarsi in un cd di sigle tv, avrà pensato la bella conduttrice della sessantesima edizione del Festival, Antonella Clerici?

lE’ quello che ha fatto, e la raccolta di canzoncine e canzonette dal sound orecchiabile e difficilmente dimenticabile verrà pubblicato il 16 febbraio prossimo in allegato al settimanale diretto da Alfonso Signorini “Tv, Sorrisi e Canzoni”, guarda caso il giorno d’ esordio del Festival e il 19 febbraio sarà disponibile in tutti gli stores dedicati, prodotto e distribuito dalla Universal.

L’ idea è nata dalla fantasia del press agent Angelo Perrone che ha chiesto formalmente alla Clerici di riadattare alcuni tra i più famosi jingle di trasmissioni tv; da “Zum Zum Zum” di Sylvie Vartan a “Chissa’ se va” di Raffaella Carra’, da “O-ba-ba-luu-ba” di Daniela Goggi a “Quelli belli come noi” delle gemelle Kessler, per proseguire con “Disco bambina” di Heather Parisi, “Sbirulino” di Sandra Mondaini e “Cicciottella” di Loretta Goggi e non mancheranno neanche i due tormentoni della “Prova del Cuoco”, programma della mattina condotto per tanti anni dalla stessa conduttrice, “Il Coccodrillo” e “Le tagliatelle di Nonna Pina“, insomma un cd leggero e divertente.

In un’ intervista rilasciata al settimanale Gioia, Antonella ricorda di essere stata male ed è dovuta ricorrere alla cura dei medici per aver cercato di dimagrire ed arrivare al giorno d’ apertura del Festival nella forma fisica più smagliante possibile: “Ho preso le polverine, quelle proteiche. Sono stata male, mi hanno portata in ospedale e ho dovuto fare le flebo”.

Gionata Cerchiara