Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo Sri Lanka, l’arresto del generale Fonseka preoccupa la ONU

Sri Lanka, l’arresto del generale Fonseka preoccupa la ONU

Il segretario generale della ONU, Ban Ki-moon ha mostrato tutto la sua preoccupazione per la situazione in Sri Lanka dopo le elezioni, dicendosi “allarmato” per la sorte dell’ex candidato presidenziale, il generale Sarath Fonseka, arrestato lunedì dalle polizia militare.

“Seguo gli avvenimenti dello Sri Lanka con preoccupazione, ha detto oggi Ban Ki-moon e ha esortado le autorità del paese a “rispettare i procedimenti legali e a garantire tutte le protezioni necessarie e garanzie di sicurezza”. Il più autorevole rappresentante dell’Organismo Internazione ha annunciato che spera di poter parlare telefonicamente “fra poche ore” con il presidente del Governo, Mahinda Rajapaksa, che giusto ieri sera ha sciolto il Parlamento e indetto nuove elezioni.

Fonseka, un generale in pensione, il 26 gennaio scorso aveva persoil confronto elettorale contro l’attuale presidente. Il governo lo aveva accusato di voler organizzare un colpo di Estato nel caso di una sconfitta.  Il principale portavoce del Ministro della Difesa, Lakshman Hulugalla, accusò direttamente a Fonseka di voler assassinare al presidente e alla sua famiglia.

Da parte sua, Fonseka aveva denunciato che in questo modo il Governo tentava di impedire che il suo partito raccogliesse prove per impugnare i risultati delle elezioni elettorali, nelle quali Rajapakse ottenne il 58% dei voti y Fonseka il 40%.

Sarath Fonseka fu arrestato lunedì mentre si trovava nel suo ufficio. A renderlo noto erano stati fonti del suo stesso partito, il Frente Popolare di Liberazione, JVP.  “Hanno trascinato via con la forza il generale Fonseka quando si trovava in una riunione con altri leaders dell’opposizione”, aveva affermato un portavoce del JVP alla AFP. Già dopo il risultato ufficiale delle elezioni del 26 gennaio, la polizia aveva assalito gli uffici di Fonseka e arrestato a vari ufficiali ritirati dell’Esercito che avevano lavorato per lui.
Annastella Palasciano