Home Sport

Calcio, Inter- Mourinho dopo le accuse di complotto post derby patteggia

CONDIVIDI

Ricordate il derby di campionato del 24 gennaio finito con la schiacciante vittoria dell’Inter sul Milan? E ricordate le dichiarazioni del tecnico interista Mourinho? Secondo il Ct portoghese c’era qualcosa che non andava… Qualcuno stava tramando alle spalle del club neroazzurro per regalare la vittoria ai rossoneri; qualcuno insomma avrebbe fatto di tutto per far vincere il Milan…

Ma cosa ha spinto il Mister a pensare a questo mega complotto? Un’espulsione giusta di Snejider che si prende gioco dell’arbitro facendogli un bell’applauso molto ma molto ironico? Un paio di rigori non dati al Milan? O forse il rigore dato a Ronaldinho dopo il fallo di mano di Lucio che sembrava evidentissimo? E se Dinho avesse segnato il rigore invece di sbagliarlo anche il portiere interista Julio Cesar sarebbe stato accusato per non averlo parato? Forse anche lui avrebbe fatto parte dello strano e oscuro complotto che si celava dietro questa partita.

Dichiarazioni pesanti che avevano destato grande scalpore subito dopo la gara. Questo tipo di accuse però non poteva cadere in un cestino ed essere dimenticate e infatti il Mister interista era stato deferito alla Commissione disciplinare nazionale. Mou non era solo ma in compagnia dell’Amministratore Delegato  Gabriele Paolillo. Entrambi erano estremamente convinti che qualcuno volesse far di tutto per riaprire il campioato anche in modo sleale. Lo Special One ci ha abituato a qualsiasi cosa ma in questo caso l’aveva combinata davvero grossa.

Dopo queste accuse in molti avevano detto che era necessario prendere dei provvedimenti. E  cos’ infatti è stato.                                  Oggi poi è arrivata la notizia: i legali di Mourinho e Paolillo avrebbero  chiesto oggi in udienza a Roma  di patteggiare.

Forse gli 11 punti di vantaggio sul Milan ( ricordando però che i rossoneri devono ancora recuperare la partita con la Fiorentina) hanno fatto aprire gli occhi al tecnico portoghese.

Filomena Procopio