Home Sport Calcio, Juventus-Alessandro Del Piero scatenato: tripletta in partitella

Calcio, Juventus-Alessandro Del Piero scatenato: tripletta in partitella

Alessandro Del Piero e Sebastian Giovinco sono stati i mattatori della partitella in famiglia tra la Juventus 1 e la Juventus 2 sul campo centrale di Vinovo. Nonostante la copiosa nevicata i giocatori di Alberto Zaccheroni sono scesi regolarmente in campo dopo una prima mezzora di tattica, ovviamente a porte chiuse. Doveva essere una sfida tra i bianconeri e la formazione allenata da Maurizio Schincaglia, ma alla fine è stata un confronto con qualche beretta in campo, mischiato ai grandi campioni. Da entrambe le parti moduli speculari: quel 3-4-1-2 su cui il neo-tecnico romagnolo sta insistendo per dare una chiara identità alla sua nuova creatura. Lo stesso modulo con cui ha affrontato sabato scorso il Livorno. Questa, di fatto, è la prima vittoria della Juventus targata Zaccheroni, dopo i due pareggi contro la Lazio e i toscani, ma ovviamente è soltanto una partitella in famiglia e dunque il risultato non conta. L’importante era rodare i movimenti della squadra e mettere il più possibile a proprio agio i giocatori nel nuovo vestito tattico. I tifosi, ovviamente, sperano che il capitano Pinturicchio e i suoi compagni tengano qualche gol da parte per il Genoa che domenica pomeriggio verrà “in visita” a Torino. Una sfida che ha il sapore di Europa-Champions League. Una vittoria contro il Grifone, infatti, alzerebbe il morale, rilancerebbe la Juventus in classifica e, soprattutto, gli permetterebbe di staccare una diretta concorrente in Europa e le permetterebbe di riprendere l’inseguimento al quarto posto, unico vero obiettivo stagionale. Non centrarlo, infatti, significherebbe restare alla finestra e, più di tutto, un danno economico incalcolabile per una società come quella di Corso Galileo Ferraris che sta cercando di rilanciarsi attraverso un preciso progetto. Una pianificazione partita quasi 4 anni fa direttamente dal purgatorio della serie B. Gli stessi sostenitori juventini si augurano, magari, di vedere insieme Giovinco e Del Piero domenica pomeriggio. Una possibilità concreta, visto che Zaccheroni li ha riproposti questa mattina dopo averli provati insieme anche prima della sfida contro la formazione di Serse Cosmi. Difficile, però, pensare ad una eslusione di Diego. Un giocatore attorno al quale è stata costruita questa squadra, strappato al Werder Brema per 25 milioni. Troppi per essere lasciati in panchina a guardare gli altri. E’ anche vero che il brasiliano per il momento continua a non essere decisivo, ma il suo mancato impiego avrebbe il sapore di una bocciatura. All’allenamento-partitella di oggi non si sono visti gli infortunati Trezeguet, Poulsen e Marchisio, mentre Camoranesi, Iaquinta e Cannavaro hanno svolto lavoro differenziato. Quest’ultimo ha preferito saltare la partitella ond’evitare di riacutizzarsi dell’indolenzimento muscolare che ha rischiato di metterlo k.o. dopo la partita di sabato scorso.  Zebina, invece, è stato costretto ad uscire dopo 10 minuti. Resta da capire se per una botta, per qualche problema muscolare o per semplice precauzione in vista del campionato. Anche quest’oggi Amauri è rimasto a secco. Ormai ilgol per lui è una chimera. L’ultimo suo gol, infatti, risale al 28 ottobre 2009 contro la Sampdoria. Una vita fa.

Juventus 1-Juventus 2 5-0
RETI: 3 Del Piero e 2 Giovinco
JUVENTUS 1 (3-4-1-2): Manninger; Grygera, Chiellini, Beretti; Salihamidzic, Felipe Melo, Beretti, De Ceglie; Giovinco; Del Piero, Paolucci.
JUVENTUS 2 (3-4-1-2) Chimenti; Zebina, Legrottaglie, Beretti; Caceres, Sissoko, Candreva, Grosso; Diego; Beretti, Amauri.

Andrea Bonino

Comments are closed.