Home Sport

Calcio, Juventus: John Elkann corteggia Ribery

CONDIVIDI

E’ definito l’ obiettivo numero uno attorno a cui gravita il mercato bianconero; di certo, con largo anticipo l’ ipotesi Franck Ribery vestito di tutto punto di bianconero si accomoda alla prima posizione delle trattative più dispendiose dal punto di vista monetario, nel caso l’ accordo dovesse entrare in porto.

Sono anni che il club di Corso Galileo Ferraris sogna ad occhi aperti il centrale francese con velleità offensive, attualmente in forza ai tedeschi del Bayern Monaco e ci sarà pure un motivo perchè non è mai approdato all’ Olimpico e le voci sono rimaste solo spifferi senza fondamenta. Resta la doverosa esigenza di dare una svolta ed un volto ad una squadra in alto mare e per buttar giù un programma che sia prospettico ed abbia anche una parvenza di serietà occorrono nomi, qualità tecniche celate dietro al nome e soldi, tanti soldi da spendere, alias investire.

La domanda è: Jean-Claude Blanc ed addetti al mercato bianconero ritengono il calciatore 27enne transalpino, ala navigata ed anticonformista dell’ Olympique Marsiglia, Galatasaray, Metz e della nazionale francese, un asso nella manica in grado di far rivivere i fasti calcistici di un tempo? Se la risposta risulta affermativa servono “solo” 40 milioni di euro per portare a casa il cartellino di Scarface, rinominato in tal modo per la sua vistosa cicatrice facciale rimediata dopo un terribile incidente d’ auto nel quale il piccolo Franck di appena due anni rimase vittima.

La pretesa economica dei bavaresi è questa e se consideriamo che il Real Madrid entrerebbe di gran carriera nella lista delle concorrenti più accanite se dovesse fallire l’ obiettivo Fabregas/De Rossi e l’ altra spagnola blasonata e con il dente avvelenato, il Barça di Pep Guardiola non avrebbe crucci di nessun tipo a portare al Camp Nou il francesino, disposto a spendere anche più di 40 milioni di euro, le probabilità statistiche della Vecchia Signora di accaparrarsi Ribery equivalgono praticamente a zero e l’ affare può essere serenamente archiviato come “non praticabile”.

Ma il vice presidente Fiat, John Elkann presenzierà comunque al 70esimo compleanno del magnate dell’ editoria tedesca Hubert Burda e scansando le regole del buon galateo, avvicinerà i dirigenti del Bayern Monaco, giocandosi tutto ciò che è in suo potere per tentare l’ affare impossibile.

Gionata Cerchiara