Home Sport Calcio, Milan- Udinese parlano i due tecnici

Calcio, Milan- Udinese parlano i due tecnici

Domani  Milan e Udinese si troveranno nuovamente di fronte. Ecco le dichiarazioni rilasciate dai due tecnici Leonardo e De Biasi entrambi molto preoccupati dall’avversario.

“Non sarà lo stesso Milan della Coppa Italia“, così esordisce il tecnico friulano. “Ci dobbiamo scordare la partita di Coppa di due settimane fa, affronteremo un altro Milan, deciso a vincere davanti ai suoi tifosi. I rossoneri recuperano tanti elementi e dispongono di una rosa di valore assoluto. Non penseranno di certo all’incontro di Champions League contro il Manchester di martedì sera, le grandi squadre sono in grado di concentrarsi in pochissimo tempo su obiettivi differenti”.
Il tecnico però sembra fiducioso in vista della gara:”Finalmente abbiamo avuto un po’ di tempo per preparare una partita nei dettagli, spiega l’allenatore. Da parte nostra servirà grande attenzione tattica e tanta corsa, ecco cosa voglio dai miei ragazzi. L’interpretazione della gara è fondamentale”. A proposito di Di Natale  “Ha vissuto una settimana molto particolare, non capita spesso di fare una tripletta in Serie A .Mi aspetto da lui una prestazione da capitano”.

Trova anche delle parole di elogio per il tecnico rossonero: “E’ una persona che ammiro molto e ascolto volentieri; un allenatore a 360 grandi che ha molteplici esperienze da giocatore, da dirigente, poi è di una pacatezza unica in un mondo esasperato quando parla lo si ascolta molto volentieri”.

Anche Leonardo oggi in conferenza stampa da carica alla sua squadra partendo dal presupposto che quella di domani sarà una partita diversa. L’Udinese è una squadra che in questo momento possiede giocatori in ottima condizione di forma. La squadra di De Biasi sta crescendo, ritengo la sua posizione in classifica inferiore rispetto alla vera potenzialità dei bianconeri. Contro il Milan l’Udinese ha vinto al Friuli e in Coppa Italia a San Siro, per noi domani sera ci sarà l’opportunità per rifarsi.”

Spiega poi alcune scelte a proposito della formazione: “Le scelte di formazione che faccio, comunque, sono sempre scelte difficili. Anche lasciare i giocatori in tribuna non è facile come è successo per Kaladze e Jankulovski a Bologna. Inoltre mi rendo conto quanto sia difficile per un giocatore non essere in panchina. Non posso negare che per la squadra è meglio avere tutta la rosa a diposizione, anche se questo implica per me scelte più complicate.
Da allenatore cerco di essere il più chiaro possibile con i miei ragazzi, poi valuto sempre le sensazioni della settimana, lo stato di forma dei singoli e la partita da affrontare.”

Filomena Procopio