Home Sport Calcio-Roma, oggi la Polverini a Trigoria. Domani importante assemblea Italpetroli

Calcio-Roma, oggi la Polverini a Trigoria. Domani importante assemblea Italpetroli

Appuntamento importante per la Roma. Quest’oggi infatti, i vertici della società giallorossa riceveranno alle ore 13 nel centro sportivo di Trigoria, la visita della candidata per il Pdl alla Regione Lazio Renata Polverini. Incontro al quale parteciperà, oltre alla presidente della Roma Rosella Sensi, quasi sicuramente anche il mister giallorosso Claudio Ranieri.

Sarà l’occasione per conoscersi meglio e, forse, per parlare della società e di qualche progetto (come quello per lo stadio di proprietà) che per il momento ha subìto un momentaneo accantonamento.

Anche perché adesso, sono altre le priorità in casa Roma: anzitutto mantenere alta la concentrazione sul campo, con la squadra che dovrà essere sempre al massimo per cercare di allungare la striscia di diciannove risultati utili consecutivi, con l’ultima sconfitta per Ranieri & co. che risale alla partita con l’Udinese del 28 ottobre scorso. Un risultato, passato attraverso l’impegno ed il sacrificio dell’allenatore e di tutti i giocatori, che si sono calati nella mentalità del tecnico testaccino.

L’altra priorità è quella  societaria, con la situazione della Itapetroli, controllante dell’A.S. Roma. In questo senso, la giornata di domani sarà fondamentale per le sorti della compagnia petrolifera, per il 51% di proprietà della famiglia Sensi e per il 49% in mano ad UniCredit: è in programma infatti, un’importante assemblea dei soci per decidere il da farsi dopo che la holding  ha chiuso il bilancio del 2008 con un passivo di trentatrè milioni di euro.

Come previsto dal Codice Civile, la perdita di più di un terzo del capitale (che è di cinquanta milioni) ha obbligato gli amministratori di Italpetroli a convocare l’assemblea degli azionisti, che non avranno molto margine di manovra. Difatti, se non si dovessero ripianare le spese nel bilancio del 2009, si renderebbe necessaria una ricapitalizzazione con i due maggiori azionisti (i Sensi ed UniCredit) che si dovrebbero impegnare nel ripianare il passivo dividendosi la spesa.

Una situazione complicata ed intricata, per la quale bisognerà aspettare ancora per la soluzione definitiva, che in questo senso potrebbe già iniziare a delinearsi dopo l’importante incontro di domani.

Francesco Mancuso

Comments are closed.