Calcio, serie B: Sassuolo da..Champions

Piccole squadre crescono.Questo é il titolo più idoneo al progetto del Sassuolo, piccolo paese di 41 mila abitanti in provincia di Modena. Paesino non pronto a grandi scenari, tanto é vero che, per le gare casalinghe, il Sassuolo utilizza lo stadio del Modena, in quanto in paese non c’ é lo stadio omologato ai campionati professionistici.
Questa piccola squadra ai più può sembrare la classica favola che dura l’ arco temporale di una stagione calcistica pronta poi ad essere dimenticata e a sparire dalle scene e dalle attenzioni. In realtà alle spalle di questa piccola squadra di paese vi è un colosso economico che poche squadre nazionali possono vantare.
Il patron del Sassuolo é Giorgio Squinzi, proprietario della Mapei (sigla che significa materiali ausiliari per l’edilizia e  l’industria).  Un miliardo e 700 milioni di euro è l’ammontare del fatturato 2009 del gruppo Mapei, colosso industriale da 7mila dipendenti. Cinque miliardi di euro in piastrelle,  più due miliardi di indotto. Totale 7 miliardi di euro.
Squinzi non nasconde la sua fede milanista: “Voglio andare in A per battere Mourinho”
“Nel calcio italiano non sono molti i presidenti che hanno più possibilità economiche di Squinzi – spiega Sergio Turrini, proprietario di Studio Emme,  oggi piccolo sponsor del club – Direi Moratti, Berlusconi, la Juve in quanto Fiat, Garrone alla Samp. Se vuole, Squinzi fa una squadra per entrare in Champions”. In realtà il Sassuolo prosegue a piccoli passi. Squinzi prese in mano la squadra in C2, nel 2004. C2, C1, la serie B nel 2008 con Allegri allenatore.
“Quest’anno al mercato abbiamo speso mezzo milione di euro – sottolinea il direttore sportivo Giovanni Rossi-la stagione prima un milione e mezzo perché abbiamo acquistato Zampagna e Noselli. Gli ingaggi sono contenuti. Abbiamo picchi da 300-400 mila euro l’anno, ma sono casi isolati”. La serie A avrebbe altri costi. “Perché non provarci? Con il dottor Squinzi alle spalle tutto è possibile”.
Forse  fra qualche anno la favola Chievo sarà solo un ricordo mentre sulle scene ci potrebbe essere la nuova favola Sassuolo, magari in Champions…
Le favole sono belle per essere raccontate, ma il calcio é realtà, molto lontano dai sogni. Se nasci tondo, non puoi morire quadrato. Un vecchio detto che la dice lunga…

Pasquale Della Valle