Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Consigliere comunale Pennisi (Pdl) arrestato in flagranza per concussione

CONDIVIDI

Brutto colpo per il Pdl a poco più di un mese dalle elezioni regionali. Il consigliere comunale Camillo Pennisi è stato arrestato con l’ipotesin di reato di Concussione, mentre, insieme alla sua segretaria, stava incassando una tangente da 10 000 euro.

Pennisi è il presidente della commissione Urbanistica del Comune di Milano: l’arresto è avvenuto in Piazza della Scala, a Milano, su ordine della procura che il premier accusa, a torto o ragione, incessantemente di essere di parte. Sembra che l’arresto sia avvenuto in flagranza di reato, e se così fosse starebbe a significare che i magistrati da tempo curavano le mosse del Consiglere comunale che fa capo a Letizia Moratti. La procura, da quel che si è capito, è stata messa sulla pista giusta da una denuncia di un imprenditore, del quale non sono trapelate le generalità.

L’inchiesta,che è condotta dai pm Tiziana Siciliano e Grazia Pradella , non è ancora conclusa. Gli inquirenti infatti stanno cercando una seconda persona, di cui attualmente non si sa ancora nulla. L’operazione comunque non è ancora terminata. Bisognerà stabilire infatti, oltre alla veridicità dell’accusa attuale, se questo sia stato l’unico episodio o ve ne siano altri passati e nel caso, chi ha pagato, perchè, quanti soldi sono “girati”, chi sapeva ed è stato zitto ed una lunga serie di altre situazioni potenzialmente illecite. Nessuna dichiarazione è giunta per ora da Pennisi, probabilmente per l’impossibilità concreta di rilasciarla, essendo tutt’ora trattenuto in caserma.

Ora, probabilmente bisognerà aspettarsi le “solite polemiche” da parte del Pdl, sul fatto che la procura di Milano compia atti persecutori e le “solite risposte” da Pd e Idv, che difendono a spada tratta ogni iniziativa di ogni procura. Certo è che, per la compagine politica guidata da Silvio Berlusconi l’arresto di Pennisi è una tegola sulla testa non indifferente. Ovviamente, prima di giudicare, bisognerà attendere le dichiarazioni ufficiali di accusa e difesa, che sicuramente non tarderanno ad arrivare.

A.S.