Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Milleproroghe: sulla carta d’identità il consenso alla donazione degli organi

CONDIVIDI

Novità importante quella inserita nel maxi-emendamento al decreto “Milleproroghe”. Ci si riferisce alle donazioni di organi, settore della medicina, ovviamente con il “settore trapianti”, tra i più in evoluzione e la cui sensibilizzazione cresce anno dopo anno.
La carta d’identità «deve contenere l’indicazione del consenso ovvero del diniego della persona cui si riferisce a donare i propri organi in caso di morte». Il governo ha già posto la propria fiducia sul decreto. L’innovazione inserita rappresenta un importante passo avanti in questa delicata questione. Ogni persona potra decidere per sé nel pieno delle proprie facoltà e un documento ne comproverà la decisione.

L’Italia, in questo campo, è tra i primi Paesi in Europa per quantita e qualità di donazioni e trapianti: 21 donatori ogni milione di abitanti. Importante l’incremento osservato dal 2008 al 2009. Un + 6% per quanto concerne le donazione e un + 7 % per quanto riguarda i trapianti, secondo le stime del Cnt (Centro nazionale trapianti). 3000 i trapianti nel 2009, oltre ai 15 mila trapianti di tessuto e cinquemila di cellule staminali emopoietiche per la cura di patologie del sangue.
Dopo cinque anni dall’intervento i casi di successo si attestano tra il 70 e l’80 % dei trapianti totali.
L’Italia è tra i primi paesi al mondo per ciò che concerne i trapianti di tessuti e cellule staminali; in Europa, sotto il profilo relativo al numero dei donatori, meglio dello Stivale ci sono soltanto la Spagna, che è anche la “capolista” mondiale e la Francia. Ci lasciamo alle spalle Paesi come la Germania e la Gran Bretagna.

Valeria Panzeri