Robert Pattinson: al via le riprese di Bel Ami, primi scatti fuori dal set

Come già si è anticipato sulle colonne virtuali di questo giornale, questa settimana Robert Pattinson ha iniziato a mettersi alla prova nei panni del suo nuovo personaggio, sul set di Bel Ami, le cui riprese sono in corso di registrazione proprio a Londra.
Sul web, puntuali, sono iniziate a circolare le prime foto della star, nei pressi del suo nuovo luogo di lavoro. La zona è chiaramente off limits, ma qualche reporter particolarmente in grado di destreggiarsi tra divieti di accesso e stop, è comunque riuscito a immortalare il protagonista della nuova pellicola, durante le pause, mentre si rilassa concedendosi anche una sigaretta.

Attorno a Bel Ami, cresce intanto l’interesse non soltanto dei tradizionali fans di Rob ma anche dei tanti appassionati di quello stile dandy che caratterizza l’opera del francese Guy De Maupassant da cui la pellicola cinematografica è tratta. Per la star inglese si tratta di un ruolo senza dubbio inedito, che rappresenta però la sua consacrazione e il suo successo professionale, dopo gli importanti traguardi tagliati grazie al ruolo di Edward Cullen nella saga Twilight. In questo nuovo film effettivamente, la parte affidata alla star inglese si differenzia profondamente rispetto a quanto si è visto nelle produzioni che hanno fatto il curriculum professionale di Pattinson: niente vampiri e licantropi, ma al tempo stesso niente romanticismi e dolcezze sulla scia di Remember Me, per intendersi. Il nuovo film infatti è uno sguardo, che non fa sconti a nessuno, sulla vecchia società francese, con i suoi eccessi, i suoi vizi e il congenito arrivismo da arrampicata sociale. Proprio questi tre elementi permeano la figura di George Duroy, interpretata da Pattinson, e prototipo dell’arrampicatore sociale. In lui convivono, e si manifestano in tempi diversi, varie caratteristiche: il ruolo del denaro, il sesso come strumento di condizionamento, la falsità nei riguardi di donne intese come strumenti per raggiungere migliori posizioni sociali. Tutto ciò sarà calato in un sistema di relazioni umane, in cui raramente i rapporti sono incentrati sulla lealtà. Insomma una pellicola che ricostruisce, con realismo, i vizi della società francese dell’ottocento. E l’elemento di questa ricostruzione è proprio Duroy.

E.l.