Home Spettacolo Stasera in tv: Scusa ma ti chiamo amore

Stasera in tv: Scusa ma ti chiamo amore

Stasera in tv l’inedita coppia Raoul Bova e Michela Quattrociocche in una storia d’amore cult.

Scusa ma ti chiamo amore è un film del 2008 diretto da  Federico Moccia, interpretato da Raoul Bova, icona del cinema made in italy in tutto il mondo e dall’esordiente Michela Quattrociocche. E’ l’adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo del regista, portavoce degli amori e delle delusioni degli adolescenti di oggi.

Niki ha quasi diciotto anni, frequenta l’ultimo anno del liceo classico e passa il tempo libero con il suo gruppo di amiche tra discoteche, feste, ed eventi vari, nè più nè meno come tutte le ragazze della sua età. Alex ha quasi trentasette anni ed è un pubblicitario in carriera. Da poco tempo si è lasciato con la sua “eterna” fidanzata Elena ed il suo universo ruota intorno ai genitori, alle sorelle, ai nipoti e agli amici storici.
In una trafficata mattina romana, Niki, mentre va a scuola, si scontra con Alex, lui in macchina, lei in motorino. L’incidente segnerà una svolta importante nelle vite di entrambi. Tra loro sboccerà una tenera amicizia che poi si trasformerà piano piano in vero e proprio amore. Questo non sarà ben accettato dai familiari e dai loro amici che poi però si ricrederanno vedendo l’autenticità di questo amore.

Pellicola ricca di tutti gli stereotipi mucciniani presenti nei precedenti film come roma, ragazzini innamorati, motorini che sfrecciano per le vie della città si differenzia, rispetto ai film precedenti, per lo scontro – incontro generazionale tra due realtà differenti, realtà viste con gli occhi dei protagonisti.
Da una parte lo sguardo innocente, ingenuo e speranzoso di una giovane che si appresta a conoscere il mondo, dall’altro quello di un uomo adulto che dalla vita e dalle relazioni si mostra annoiato, apatico… fino a quando nella sua vita non giunge un uragano improvviso e inaspettato che lo scuote: l’amore.
Amore che , come in qualsiasi film “smielato” della buona tradizione cinematografica vince su tutto, abbattendo i pregiudizi del pensiero comune e della società.
Speriamo però che,  nella vita reale, per ottenere questo, non si debba andare a vivere su un faro.

Comments are closed.