Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Attentato suicida in Pakistan: 14 morti

CONDIVIDI

Abdul Jabbar Shah, amministratore locale della zona di Bannu, ha confermato ad AFP che  il doppio attentato suicida avvenuto ieri ha causato quattrordici morti, nove poliziotti e cinque civili,

A Bannu, in un centro di addestramento per la polizia, un attentatore suicida si è fatto saltare in aria e solo otto minuti dopo un altro si è fatto esplodere mentre un gruppo di poliziotti, capitanati da Iqbal Marwat, arrivata all’ingresso.

L’attentato è l’ultimo di una serie che vede come obiettivo le forze dell’ordine locali e il conflitto è in atto da quando è iniziata la guerra degli USA contro l’organizzazione terroristica al-Qaeda e ormai si parla di più di 3000 morti da quando nel luglio del 2007 assediarono dei terroristi che si erano rifugiati in una moschea nella provincia della capitale Islamabad.

Dei due terroristi sono state recuperate solo le gambe e le due violentissime esplosioni hanno causato oltre trenta feriti, tra poliziotti e civili. Tra i feriti c’è anche lo stesso Marwat, capo della polizia di Bannu, ricoverato in condizioni critiche nel vicino ospedale.

Alcune fonti tra il personale ospedaliero parlano di 6 decessi tra i civili, portando il numero complessivo di casualità a quindici.

I poliziotti sono il target preferito dei terroristi in quanto sono molto meno armati dei militari e quindi prede più facili da avvicinare; le autorità hanno ora imposto il coprifuoco e le strade sono pattugliate dalla polizia, da truppe paramilitari e da soldati dell’esercito regolare pakistano.

L’attacco è avvenuto nello stesso giorno della visita a Islamabad di James L. Jones, consigliere per la sicurezza della Casa Bianca, e il metodo usato del doppio attentato è una tecnica molto efficace e già vista – anche se raramente – in Pakistan.

Il giorno precedente, mercoledì 11 febbraio, un altro attentato contro le forze di polizia aveva causato 17 morti, tra i quali ben 13 poliziotti, nell’area di Khyber.

La zona è vicina al Waziristan del nord, una roccaforte dei talebani pakistani che è stata obiettivo di molti attacchi missilistici nelle scorse settimane.

Sebastiano Destri