Home Sport

Basket: tornano in italia gli Harlem Globetrotters

CONDIVIDI

Dopo 15 anni tornano in Italia gli Harlem Globetrotters.
Nati da un’idea di Abe Saperstein nel 1927, nel corso degli anni hanno giocato in oltre 100 nazioni in tutto il mondo, disputando più di 20.000 partite, record assoluto per una singola squadra.
Prevista una tournee dal 4 al 10 maggio che toccherà le città di: Modena, Cagliari, Caserta, Firenze, Rimini, Milano e Varese.
Rappresentanti del basket nel mondo ma anche della pace (furono ambasciatori per i rapporti tra Urss e Usa) il loro show si chiamerà “Lo spettacolo più bello del mondo”,  e sarà un mix di talento tecnico, schiacciate, palleggi e passaggi ai limiti del possibile.
Tutto condito da una gran voglia di giocare e appassionare.
L’evento è stato presentato nel capoluogo lombardo dove il team si fermerà il 9 maggio al forum di Assago.
Nel corso della conferenza stampa è stato ricordato come un mito del basket d’oltreoceano Wilt Chamberlain vesti la maglia dei Trotters nel giugno del 1967 e come, per la prima volta, i giocatori di questa particolare “squadra” strabiliarono il mondo con schiacciate a due mani mai viste prima.   

Di seguito i giocatori che compongono il team:

Numero 3: Dwayne “Legend” Erskine Rogers. Cresciuto nei playground di Houston, grandissimo playmaker.

Numero 16: Shane Ray “Bebe” Cole. Fortissimo playmaker e soprattutto un gran difensore. Giocatore dell’anno per la difesa con l’Università del Montana, alle Conference. È il secondo giocatore di tutti i tempi negli assist in Montana.

Numero 24: Michael James St. Julien, “The Saint”. È un veterano pluricampione a livello agonistico.

Numero 25: Michael “Wild Thing” Wilson. Detiene il record mondiale di schiacciata: 365 centimetri. Nella Hall of Fame di è dedicata un’intera sezione alla sua impresa.

Numero 32: Paul “Showtime” Gaffney. È il “capo comico”. Non smette mai di parlare e di giocare. È famoso in tutto il mondo per il suo gancio da metà campo con cui fa canestro in tutti i palazzetti del mondo. Impara sempre delle parole nella lingua in cui vanno a fare lo show. Trova sempre il modo per “litigare” con l’arbitro che sta agli sketch e fare scherzi a tutti.

Numero 42: Robert Whallen Turner, “Therminator”. È un’ala alta 206 centimetri. Grande tiratore e soprattutto gran stoppatore. È stato campione Ncaa nel suo primo anno, è un leader dentro e fuori dal campo.

Numero 54: Lincoln Marcel Smith, “Gator”. Giovane pivot di 208 centimetri di grande potenza specialista nelle giocate di forza. È il rookie degli Harlem Globetrotters nel 2006.

Globie: mascotte che fa divertire i bambini e il pubblico più grande.

 

Paolo Piccinini