Home Sport Calcio, Fiorentina: La Dinamo Kiev rilancia su Mutu, Corvino punta sui giovani

Calcio, Fiorentina: La Dinamo Kiev rilancia su Mutu, Corvino punta sui giovani

Le grane dell’ attaccante romeno della Fiorentina Adrian Mutu hanno tenuto banco per diversi giorni su molti quotidiani sportivi e non e la sospensione arrivata in via cautelativa per la positività all’ Epo, riscontrata durante gli esami di laboratorio sui campioni biologici del giocatore hanno fatto il resto, relegando ancora una volta l’ ex punta di Juventus e Chelsea fuori dal campo di gioco.

Gli è costata cara, dunque l’ assunzione di sostanze proibite durante le gare di campionato contro il Bari e di Coppa Italia contro la Lazio, ma c’è ancora chi crede nel talento e nella carriera del romeno, come riportano molti giornali dell’ Est Europa ed il presidente del club ucraino della Dinamo Kiev, Igor Surkis lo vorrebbe nella sua formazione: “Mutu sta attraversando un momento molto difficile, ma è un eccellente giocatore. In futuro vorrei vederlo giocare nella Dinamo Kiev”.

Nel caso Prandelli e Corvino dovessero prendere la decisione di cederlo, per Adrian Mutu, dal 2006 a Firenze non sarebbe esclusa la pista di una società romena che rappresenterebbe il suo ritorno in patria. Il patron viola Pantaleo Corvino, alla vigilia del quarto di finale del torneo di Viareggio, nel derby contro l’ Empoli crede moltissimo in tutti i suoi giocatori, ma da buon presidente lancia un la di incoraggiamento a due givanissimi dei gigliati, il senegalese appena 15enne Khouma El Barbacar, formidabile attaccante in erba e Federico Carraro, seconda punta dal futuro promettente:

“Siamo una squadra molto giovane, che è partita in sordina e ora sta sorprendendo anche noi. Carraro e Babacar? Su di loro puntiamo molto, come dimostra l’esordio in Coppa Italia per entrambi. Però non vanno caricati di troppe responsabilità. Al di là del risultato finale, questo torneo è un’occasione importante per i ragazzi, che hanno la possibilità di farsi vedere da osservatori di tutto il mondo. Seferovic? Avrebbe avuto bisogno di un periodo di ambientamento, ma in un torneo dove si gioca ogni due giorni, c’è bisogno della sua freschezza”.

Gionata Cerchiara