Home Sport

Calcio-Palermo, Delio Rossi avverte i suoi: “La Roma sarà agguerrita. Per me non è un derby”

CONDIVIDI

Vigilia importante per il Palermo, che domani affronterà all’Olimpico nel secondo anticipo della ventiquattresima giornata la lanciatissima Roma di Claudio Ranieri, imbattuta da diciannove partite consecutive tra campionato e coppe.

Non sarà facile conquistare punti sul campo dei giallorossi, ma il tecnico rosanero Delio Rossi carica i suoi in vista della gara, avvertendoli delle enormi potenzialità della squadra capitolina: “Noi andiamo all’Olimpico per giocarcela, di certo troveremo una formazione agguerrita”.

Una Roma che probabilmente Ranieri inzialmente schiererà senza il suo capitano Francesco Totti, convocato ma ancora non in perfette condizioni fisiche. E’ quindi probabile che il mister giallorosso, che ha dichiarato di voler gestire al meglio il suo numero dieci, possa schierare dal 1′  in avanti la coppia Vucinic-Baptista. Rossi, non vede differenze tra chi sarà in campo e chi no, elogiando la grande ricchezza della rosa romanista: “La Roma è una squadra evoluta con ricambi forti.  Se non giocherà Totti al suo posto ci sarà Baptista, uno che viene dal Real Madrid e non è un ragazzo della primavera. Troveremo una formazione agguerrita, con in campo gli stessi uomini della partita vinta contro la Fiorentina”.

Inutile girarci intorno: la gara contro la Roma avrà un sapore speciale per il mister palermitano, fino allo scorso alla guida della Lazio. Tante le stracittadine di cui è stato protagonista (ed a volte anche vincitore) insieme alla squadra biancoceleste. Adesso però, il derby fa parte del passato ed il tecnico rosanero pensa solamente al presente: “Io alleno il Palermo, per me non è derby -taglia corto il tecnico rosanero-. Finchè ero alla Lazio era un derby. Per questo motivo non so dire che accoglienza mi aspetto all’Olimpico, anche se girando per Roma ho sempre ricevuto attestati di stima da parte dei tifosi romanisti”.

Chiusura sugli obiettivi stagionali. I giocatori pensano in grande, il presidente Zamparini ha parlato di Champion’s League. E Rossi? Lui non si scompone e dichiara: “Mi fa molto piacere che i miei giocatori pensino in grande, ciò vuol dire avere la convinzione dei propri mezzi, ma gli obiettivi bisogna centrarli e non dichiararli. Il presidente Zamparini punta alla Champions League? È normale che il presidente punti al massimo, non sarebbe giusto il contrario”.

Francesco Mancuso