Home Sport Calcio, Serie A: Il Milan vince con l’Udinese 3 a 2

Calcio, Serie A: Il Milan vince con l’Udinese 3 a 2

A San Siro è di scena un inusuale anticipo di campionato di venerdì tra Milan e Udinese, a causa dell’imminente impegno in Champions League dei rossoneri che affronteranno il Manchester United nell’andata degli ottavi di finale.

1 tempo- Squadre che scendono in campo con schieramenti speculari: due 4-3-3 che promettono tanto spettacolo. E le attese non vengono tradite. Al 2′ rompe il ghiaccio Pirlo che prova il destro da fuori area ma il suo tentativo finisce di poco a lato. Il Milan si vede fin dalle prime battute di gioco che vuole a tutti i costi reagire dal periodo no e al 7′ dà una scossa al match: in seguito a un’azione di calcio d’angolo, Ronaldinho recupera palla sulla destra e con un cross preciso sul primo palo pesca Huntelaar che di testa anticipa Handanovic e manda la palla in rete. 1 a 0. Al 13′ tegola per i rossoneri: Mancini è costretto ad abbandonare il campo(sospetto stiramento) a favore del rientrante Pato acclamato dai tifosi della squadra di casa. L’Udinese tenta una timida reazione e al 23′ ci prova con Inler che con un tiro “alla Pirlo” costringe Dida alla parata in due tempi. La squadra di Leonardo è ben messa in campo e grazie al rientrante Nesta riesce a tenere la difesa alta in modo da accorciare la squadra e dare la possibilità ai centrocampisti di correre di meno a vuoto. E proprio uno dei tre mediani della squadra di casa, Ambrosini, al 30′ manda a lato il suo sinistro dal limite dell’area. Al 39′ il risultato cambia ancora: fraseggio sublime dei centrocampisti rossoneri, la palla arriva a Ronaldinho che con un lancio millimetrico lancia Pato in area di rigore che supera Handanovic con un rimpallo e manda la palla in rete. 2 a 0. Al 40′ altra tegola per Leonardo che perde per infortunio Thiago Silva(si parla di contrattura muscolare) ed è costretto a mandare in campo Bonera. Il primo tempo sembra volgere al termine senza nessuna particolare emozione, ma è proprio nel recupero che si riapre la partita: al 46′ Di Natale si invola sulla destra, rientra sul sinistro e lascia partire un cross che trova la testa di Floro Flores che a sua volta manda il suo tentativo alle spalle di un incerto Dida. 2 a 1.

2 tempo- Il secondo tempo inizia a ritmi più bassi rispetto alla prima frazione di gioco e ad aprire le danze nella ripresa ci pensa Asamoah che al 52′ spara un sinistro a pelo d’erba che si spegne alla sinistra del portiere milanista. I padroni di casa vogliono la vittoria a tutti i costi e al 57′ incrementano il vantaggio: calcio di punizione dalla sinistra di Ronaldinho, colpo di testa di Coda e palla che arriva a Huntelaar che con un destro in girata fulmina Handanovic. 3 a 1. Gli ospiti sembrano accusare il colpo, e così De Biasi manda in campo Lodi al 61′ al posto di Inler per incrementare il potenziale offensivo della sua squadra che 5 minuti più tardi va vicina al raddoppio con Totò Di Natale, ma il suo tentativo di tesa viene bloccato in parata plastica da Dida. al 71′ i friulani terminano i cambi e tentano il tutto per tutto mandando in campo Pepe e Geijo al posto di Sammaro e Floro Flores. Un minuto più tardi Huntelaar va vicino alla sua tripletta personale spedendo a lato la sua volè di sinistro dopo una punizione di Pirlo. La pressione dei padroni di casa si fa sempre più incalzante e nel giro di un minuto, tra il 74′ e il 75′, va vicino al poker prima con Gattuso che ottimamente imbeccato da Ronaldinho spara su Handanovic in uscita, poi sul successivo calcio d’angolo lo stesso brasiliano ci prova di testa ma Pepe salva sulla linea. Al 77′ Leondardo concede la standing ovation al n.80 rossonero sostituendolo con Beckham che appena entrato in campo tenta il suicidio lanciando a rete Di Natale che si allunga la palla proprio davanti al portiere milanista e l’azione sfuma. La partita sembra volgere tranquillamente verso i titoli di coda, ma all’86’ il match inaspettatamente si riapre: Pato tenta il super gol da posizione defilata, la difesa bianconera sventa la minaccia e sul seguente capovolgimento di fronte Favalli si dimenta di attuare il fuorigioco e consente a Di Natale di presentarsi di nuovo solo davanti a Dida che stavolta viene battuto dal preciso tiro del numero 10 ospite. 3 a 2. Forcing finale dell’Udinese sterile e il Milan porta a casa un meritato successo.

Il Milan, sotto gli occhi di un impassibile Ferguson, ritrova gioco, vittoria e 2 uomini fondamentali come Pato e Nesta e spera di non perdere Thiago Silva in vista del match contro il Manchester. L’Udinese non ha confermato la buona prestazione fatta contro il Napoli ma mister De Biase può sperare di far meglio visto che la sua squadra è andata in gol per ben 2 volte pur creando poco durante la partita.

TABELLINO:

MILAN(4-3-3): Dida; Abate Nesta Thiago Silva(40′ Bonera) Favalli; Gattuso Pirlo Ambrosini; Mancini(13′ Pato) Huntelaar Ronaldinho(77′ Beckham). Panchina: Abbiati, Jankulovski, Flamini, Inzaghi. Allenatore: Leonardo.

Udinese(4-3-3): Handanovic; Isla Coda Zapata Pasquale; Sammarco(71′ Pepe) Inler(61 ‘ Lodi) Asamoah; Sanchez Di Natale Floro Flores(71’ Geijo). Panchina: Belardi, Cuadrado, Lukovic, Agyemang-Badu. Allenatore: De Biasi.

Arbritro: Celi

Ammoniti: Gattuso(Milan); Isla, Zapata, Sammarco, Lodi(Udinese).

Antonio Pellegrino

Comments are closed.