Home Spettacolo Film in televisione: “Shrooms-trip senza ritorno”

Film in televisione: “Shrooms-trip senza ritorno”

SkyCinema Max, ore 21:00. La rete satellitare trasmetterà, stasera, il film horror, del 2006, “Shrooms-Trip senza ritorno“. La pellicola, diretta da Paddy Breathnach, è interpretata da Lindsey Haun, Jack Huston e Robert Hoffmann. Ambientato in Irlanda, il lungometraggio mostra subito una sua parziale diversità rispetto al resto dei film horror attuali.

Cinque ragazzi americani decidono di raggiungere, in Irlanda, il loro amico Jake (Jack Huston). Con lui vogliono provare i famosi funghetti allucinogeni che crescono naturalmente in quei boschi. Per sbaglio, Tara (Lindsey Haun) ingerisce un fungo altamente tossico che, per tradizione, donerebbe doti di preveggenza. Suggestionati da una storia raccontata da Jake, i ragazzi iniziano a scomparire uno ad uno mentre Tara vede, in sogno, dei cruenti omicidi…
Che il bosco sia il luogo della paura per antonomasia è, ormai, risaputo. Fin qui il caro regista non ci ha raccontato nulla di nuovo: ci troviamo di fronte all’ennesima storia di un gruppo di ragazzi dispersi in un posto spaventoso e in balia di un paio di pazzi criminali.
Ma ecco un elemento di novità: le droghe fanno male, si sa ma in un film spaventoso apportano una -quasi- (s)piacevole novità: il protagonista è confuso, lo spettatore non riesce a capire cosa accada davvero e cosa, invece, sia frutto di perversa immaginazione
Intervallate da scene pressochè divertenti, come quella della mucca parlante, le azioni conducono tutte ad un lontano richiamo al più riuscito “The blair witch project“. Imitazione degli horror splatter di tutti i tempi, da “La maschera di cera” a “Non aprite quella porta”, la pellicola non introduce nessun altro elemento di novità.
Qualsiasi appassionato del genere, seppur la sottoscritta non l’abbia raccontata, potrà capire, fin dalle prime battute, la fine, scontata, della storia.  Comunque scorrevole, abbastanza spaventosa e immersa in una natura quasi gotica, la pellicola si lascia guardare e non dura troppo.
Valentina Carapella