Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca Operato al testicolo sano e reso sterile: risarcita anche la moglie

Operato al testicolo sano e reso sterile: risarcita anche la moglie

Un errore che ha dell’incredibile quello occorso ad un supertecnico informatico di 35 anni affetto da neoplasia.
Durante l’intervento, eseguito presso l’Istituto dei Tumori meneghino il 12 maggio 2004, gli è stato asportato il testicolo, ma quello sano. Conseguenza diretta la sterilità ed un forte calo del desiderio sessuale che lo ha portato ad una particolare cura medica.

La questione è passata in un’aula di tribunale. Il giudice Damiano Spera, della quinta sezione civile del tribunale di Milano, ha riconosciuto un danno morale e un danno biologico. La sentenza prevede un risarcimento da guinnes dei primati pari a 475 mila euro per l’uomo ma anche per la moglie.
Nel produrre la sentenza il giudice ha tenuto conto della giovane età della vittima e soprattutto della definitiva compromissione della sua capacità riproduttiva. Per questo è stato ritenuto “corretto discostarsi dai criteri tabellari normalmente adottati da questo tribunale e così liquidare per il complessivo risarcimento del danno non patrimoniale da lesione al diritto alla salute, la somma già rivalutata di euro 375mila”.

Una cifra davvero ragguardevole, che di molto si discosta dalla tabelle indicative.

Così si legge nella sentenza: «All’esito della radioterapia veniva riscontrata una diminuzione drastica dei livelli di testosterinemia nonché l’assenza completa di spermatozoi; da una Tac al torace si riscontrava nuovamente la presenza di una formazione micro nodulare a livello del lobo inferiore sinistro; dalle successive visite effettuate dall’attore emergeva un calo del desiderio sessuale e una riduzione del testosterone, tali da necessitare l’inizio di una cura mirata; nel luglio del 2007, dai riscontri clinici non emergevano metastatizzazioni o altra progressione della malattia; l’asportazione del testicolo sano, in luogo di quello patologico, ha comportato la sterilizzazione dell’attore con conseguente riduzione della libido; l’attore deve dunque ricorrere ad una terapia ormonale sostitutiva mensile per il ripristino di una performance funzionale dell’attività sessuale».

Esemplare il soddisfacimento della richiesta di risarcimento avanzata dalla moglie, direttamente coinvolta nella vicenda: 100 mila euro la cifra stabilita.

Valeria Panzeri