Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica

Berlusconi: interessati al nucleare in Albania (e anche alle ragazze)

CONDIVIDI

Il nuovo accordo tra l’Italia e l’Albania potrebbe passare per il nucleare. Nei giorni tesi della campagna elettorale in cui molti aspiranti presidenti delle Regioni stanno sbarrando le porte all’eventualità, paventata dal governo, di ospitare centrali nucleari nei loro territori, il premier Silvio Berlusconi sembra guardare con interesse alla “mano tesa” del primo ministro albanese, Sali Berisha.

I due si sono incontarti ieri a Palazzo Chigi, in una Roma appena imbiancata dai fiocchi di neve. “Berisha – ha riferito Berlusconi in conferenza stampa – mi ha illustrato tutta una serie di progetti che riguardano sia le energie tradizionali, sia la rigassificazione di gas liquido, le centrali termoelettriche e la possibilità anche di centrali nucleari. L’Italia – ha scandito il presidente del Consiglio – è molto interessata“.

Parole confermate dal premier albanese: “Siamo aperti all’energia nucleare – ha precisato Berisha ai cronisti – Gli albanesi non potranno non prendere atto dei grandi benefici di questa forma di energia più pura e più costante“.

Ma l’intesa tra i due politici non si è fermata alla questione nucleare. Nel corso della conferenza stampa, infatti, Silvio Berlusconi ha ribadito l’intenzione dell’Italia “di garantire all’Albania la liberalizzazione dei visti il più presto possibile, forse già entro ottobre di questo anno”. Non solo, il presidente del Consiglio italiano ha anche rinnovato il proprio sostegno alla candidatura dell’Albania all’Unione europea e si è, generosamente, messo a disposizione del collega Berisha per un eventuale intervento nel Parlamento albanese teso a sensibilizzare i colleghi d’oltremare sulla questione che rigurada la “pacificazione” con le forze dell’opposizione, di cui lui è un “grande esperto”.

L’immancabile “chiusa” goliardica è stata anticipata da una dichiarazione del premier Sali Berisha. “Fin quando Berlusconi rimarrà al governo – ha assicurato – ci sarà una moratoria degli sbarchi in Italia“; ottimo “assist” per il premier italiano che ha voluto fornire una “galante” precisazione: “Facciamo un’eccezione, pero’ – ha detto Berlusconi tra i sorrisi generali – per qualche bella ragazza“.

Maria Saporito

Comments are closed.