Home Anticipazioni

Olimpiadi invernali, Inizia la cerimonia ma nell’aria ancora il lutto

CONDIVIDI

La cerimonia c’è stata, lo spettacolo anche ma era inevitabile che si continuasse a pensar a quello che era successo poche ore prima. La morte di un atleta non è una qualcosa che può passare in secondo piano. Tutta la grande genialità di chi tanto ha lavorato per stupire il mondo intero diventa piccolo perchè tutto è successo troppo in fretta. Ma anche in queato caso pur sembrando  retorico  the show must go on.

Il via ai  XXI Giochi  invernali lo da Michelle Jean, governatore della Columbia; tripode acceso da Wayne Gretzky, leggenda dell’hockey. E anche qui qualcosa non va : quella fiamma sembra proprio non volersi accendere ma alla fine tutto si risolve.

Tutto era stato organizzato nel migliore dei modi, addirittura ai presenti è stato donato un kit in modo da essere tutti vestiti di bianco. Nell’arena erano presenti più di 60 mila spettatori.

Inizia la sfilata delle delegazioni: la Georgia sfila con la bandiera a lutto come è normale.  Ovviamente si sprecano gli appplausi per il georgiano Kumaritshavili pubblico tutto in piedi come è giusto che sia. 
Prima della nazione che ha perso il suo giovane atleta sfila l’Italia guidata dal portabandiera Giorgio Di Centa.

All’inizio però una cosa molto particolare da sottolineare e cioè il saluto alle 4 popolazioni aborigene in Canada.

C’è una grande atmosfera ma nell’aria si sente che non può essere tutto normale. Non bastano quindi le due star Brian Adamas e Nelly Furtado ad accendere l’arena. E non basta lo straordinario spettacolo di luci che sottolinea alcuni luoghi caratteristici canadesi. Quello che è successo da così poco tempo non si cancella e infatti appena nell’arena si sentono le note dell’Hallelujah di Leonard Cohen la tensione si trasforma in emozione che diventa in povhi secondi commozione.

E ancora si va avanti perchè questa cerimonia deve essere portata a termine. Bisogna accendere la fiamma di questi giochi iniziati nel peggiore dei modi. Dopo un piccolo incidente tecnico tutto torna a funzionare a la fiamma brucia. Continuerà a farlo fino al 28 febbraio quando i giochi si concluderanno.

Con la speranza di non dover raccontare altre tragedie buona visione a tutti….

Filomena Procopio