Calcio: Maurizio Mosca critica il suo pupillo Alex Del Piero

Possiamo capire la situazione alquanto complessa in cui ristagna il club bianconero. Un momento difficile per la vecchia signora che fa ricorso anche a misure estreme pur di guadagnare qualche punto e tornare a diventare competitiva; non si vuole certo demonizzare il club di Vinovo.

Ma a Maurizio Mosca , noto estimatore dell’attaccante bianco-nero, non è decisamente andata giù la simulazione che ha permesso ad Alex Del Piero di siglare la rete su rigore che nella quinta giornata di ritorno del campionato di Serie A 2010 ha permesso alla Juventus di superare il Genoa per 3-2.

Un fallo inesistente ed una simulazione davvero plateale quanto plateale è stata l’esultanza senza ritegno che  “Pinturicchio” ha inscenato dopo aver cinicamente siglato dal dischetto. Come se non bastasse nel dopo partita a “Controcampo” il bomber della Juventus ha anche quasi ammesso la non esistenza del fallo pur mantenendosi in una posizione neutrale, tipico atteggiamento della maggior parte dei calciatori.

Anche Buffon non si è distinto per educazione e savoir faire quando dopo il “goal papera” subito si è lasciato andare ad imprecazioni e bestemmie di chiara comprensione.

Insomma una domenica positiva per i bianco-neri anche grazie al goal di testa di Amauri che non segnava ormai da mesi. Ma di positivo c’è soltanto il risultato visto che gli episodi hanno messo in luce quanto il calcio sia ancora ben lontano da dare un’immagine di pulizia e trasparenza che forse solo la moviola in campo potrà regalare; a quanto pare infatti  la tecnologia potrà permettere una supervisione degli eventi pragmatica e scevra da “umani fraintendimenti”.

Nella prossima giornata di campionato la Juventus ospiterà il Bologna, con il quale concluso in pareggio il match di andata. Vedremo se i bianconeri dovranno fare ancora ricorso a mezzucci di bassa lega per risalire la china o potranno uscire dal campo vittoriosi sotto tutti i punti di vista.

PB