Cinema: la nuova Nicole Kidman


Il festival di Berlino è stato illuminato dalla chioma ramata di una giovane promettente attrice, la stella olandese Lotte Veerbek.
Al festival, questa  27enne dai capelli fulvi, ha spopolato conquistando con il suo charme e la sua bravura la critica e la stampa.
Additata come la nuova Nicole Kidman dagli addetti al settore nelle sale della Berlinese, l’olandesina, già ammirata in Nothing Personal, ha fatto il suo trionfale ingresso fra le 12 “shooting star” emergenti del cinema europeo.
Look anni ’30, gonna alta in vita che lascia solamente immaginare due gambe bellissime donate generosamente da Madre Natura, la Veerbek recita da quando era bambina.
Ha cominciato con la danza classica ed ha sempre ricevuto l’apporto e il sostegno  dei suoi genitori, anch’essi artisti, sebbene attori amatoriali.
E’ lusingata dal paragone con la Kidman e ammira tutte le altre rosse di Hollywood ma è determinata nel voler costruire il successo e la fama grazie al proprio talento, e non per via di una vaga somiglianza.
Appassionata di musica con due diplomi in tasca e cinque lingue parlate alla perfezione, questa giovane attrice ha le idee ben chiare in testa. Non vuole puntare sul proprio aspetto fisico e di certo, non perchè non ne abbia le possibilità… a differenza di tante ( la stragrande maggioranze di colleghe) questa promessa cinematografica non ha mai calcato le passerelle di moda, sostenendo di non essere minimamente interessata a vestire le grandi firme e di bib voler sfruttare il proprio aspetto fisico.
Confinata fino a qualche mese fa al circuito limitato e limitante delle produzioni olandesi – tedesche ( in patria è una stella) quest’anno la Verbeek si prepara a conquistare il grande pubblico… dall’Oriente al nostro Paese.
Infatti la “nuova Nicole Kidman” sarà protagonista di un grande film in Giappone, mentre in Italia avremo il piacere di ammirarla a marzo in una fiction Rai nel ruolo di Giuditta Lescano, una delle tre sorelle che nel decennio tra gli anni ’30 e ’40 spopolava per le piazze e i teatri del nostro Paese.
Un’esperienza gratificante – ha dichiarato l’attrice, già perdutamente innamorata dell’Italia e del suo infinito calore.