Ban Ki-moon condanna il colpo di stato in Niger

Il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, ha condannato il colpo di stato in Niger che ha portato alla destituzione del presidente Mamadou Tandja e alla salita al potere dei militari del Consiglio Supremo per la Restaurazione della Democrazia (CSRD)

Il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, condannò ieri il colpo di stato militare in Niger e, al tempo stesso, espressò la disponibilità delle Nazioni Unite a dare il loro appoggio per una soluzione duratura della crisi che sta attraversando lo stato africano.

“Ban condanna il colpo di stato in Niger- ha detto in un comunicato il suo portavoce Martin Nesirky– e qualsiasi tentativo di impadronirsi del potere in maniera anticostituzionale”. “Il responsabile della Onu- ha segnalato il portavoce- ha preso atto della dichiarazione di militari nigeriani di voler ristabilire l’ordine costituzionale nel paese”aggiungendo che Ban ki-moon “gli esorta a lavorare per raggiungere quest’obiettivo in accordo con il resto della società nigeriana”. Nello stesso tempo, il più importante rappresentante delle Nazioni Unite sottolineò la necessità di ” rispettare lo stato di diritto in Niger, così come i diritti umani”.

Da mesi il paese africano si trova in uno stato di profonda instabilità politica in seguito al tentativo del presidente, Mamadou Tandja, di prolungare il suo mandato ben oltre i 10 anni stabiliti dalla Costituzione. Tandja sciolse il Parlamento che si opponeva alle sue intenzioni, e rimosse dall’incarico i membri del Tribunale Costituzionale che avevano dichiarato illegale la riforma della Costituzione. In agosto, il presidente vinse con una grande maggioranza un referendum popolare che doveva approvare la modifica, ma l’opposizione accusò il governo di frode. La situazione esplose due giorni fa, quando un gruppo di militari  riuniti nel cosiddetto “Consiglio Supremo per la Restaurazione della Democrazia (CSRD) organizzò un colpo di stato che portò alla destituzione di Tandja.

Annastella Palasciano

.

Notizie Correlate

Commenta